LIBERI DAI GERMI: il modo più rapido per ammalarsi

bambino che si lava le mani


Esperti suggeriscono che siamo troppo puliti; mancanza di esposizione ai germe sta indebolendo il nostro sistema immunitario. Il detergente per le mani è sempre pronto in borsetta, detergenti di ogni tipo per la casa; i fanatici dell’igiene a tutti i costi sono tanti, ma, a differenza di come si potrebbe pensare, non è un atteggiamento sano . Come ha sottolineato  un articolo apparso sulla rivista britannica New Scientist esiste anche il “pulito troppo pulito”, che ci si ritorce contro in vario modo. Perché ormai è certo, la teoria dell’igiene” non è solo un’ipotesi. In poche parole, secondo questa teoria, l’esposizione a virus, batteri e funghi nella prima infanzia (e le endotossine prodotte dai patogeni) aiuta il sistema immunitario a svilupparsi e a diventare forte.

Meno germi più allergie ed asma




La guerra contro i germi è iniziata molti anni fa. Ci hanno insegnato che i germi sono nocivi e come fare perchè tutto sia sempre lindo e disinfettato.
La frase che riecheggia oggi è ” Via dai germi, in ogni momento“. Negli ultimi vent’anni, asma, allergie e disordini immunitari sono aumentati in tutto il mondo”, secondo l’allergologo per bambini Dominique Bullens. Sicuramente la componente stress è fondamentale, ma sempre più studi portano in luce come una eccessiva igiene,  possa causare malattia, piuttosto che stato di salute. Ammalarsi diventa più facile.

L’allergolo Bullens dichiara:

“Le persone hanno anche notato che i bambini nei centri diurni (asili) su larga scala hanno sviluppato meno allergie e che le probabilità di diventare allergici diminuiscono a partire dal quarto figlio di una famiglia.”

Curiosamente, uno studio epidemiologico  pubblicato sul New England Journal of Medicine mostra che i bambini che vivono nelle fattorie hanno meno probabilità di sviluppare l’asma rispetto ad altri bambini. Qual è la spiegazione? Il team internazionale di scienziati che ha condotto lo studio ha concluso che la minore suscettibilità dei bambini di fattoria all’asma può essere ampiamente spiegata dal fatto che crescono circondati da una maggiore varietà di microrganismi rispetto ai bambini che non vivono in un ambiente agricolo.

Quando si incontrano batteri e virus, infatti, vengono prodotti anticorpi della classe delle immunoglobuline A e G, (IgA e IgG) mentre non si formano immunoglobuline di tipo E (IgE), che invece sono più abbondanti se non c’è un’esposizione ai germi. «Le IgE si legano a recettori specifici su cellule che si trovano nella pelle e nelle mucose, i mastociti, che per questo motivo si attivano e liberano istamina, la sostanza responsabile di gran parte dei sintomi delle allergie. I piccoli tenuti che non hanno contatti con i coetanei perché non vanno al parco giochi o all’asilo hanno più IgE e sono perciò più esposti ad allergie di vario genere». Ammalarsi da piccoli, quindi, è, in un certo senso, il prezzo da pagare per non dover combattere a vita contro dermatiti allergiche, asma o intolleranze alimentari, che non a caso sono molto più diffuse nel mondo occidentale e nelle classi sociali elevate.

Bullens  afferma, inoltre, che lo stile di vita nei paesi industrializzati ha contribuito a un declino delle malattie infettive. Tuttavia, con la caduta delle malattie infettive, i casi di malattie allergiche e autoimmuni hanno iniziato ad aumentare. Questo è stato inizialmente teorizzato dall’epidemiologo britannico David Strachan nel 1989.

“L’allergia è un segno che il nostro sistema immunitario sta andando fuori controllo. Con l’introduzione di molti prodotti per la pulizia, i nostri corpi ne sono stati influenzati a un livello tale da compromettere il nostro sistema immunitario„

Senza contare che, come ha sottolineato il New Scientist, l’utilizzo smodato di prodotti che contengono antibatterici sta concorrendo ad aumentare la resistenza agli antibiotici da parte dei batteri: a furia di essere aggrediti, i germi possono mutare dando luogo a ceppi ultra-resistenti che poi possono diventare molto difficile debellare.

Il Big Pharma impone sempre per il nostro bene
Invece di limitarsi a concludere che l’esposizione naturale per una varietà di microrganismi può essere più sana per i bambini che vivono nelle case moderne ( in realtà, talvolta, troppo pulite per una salute ottimale), gli scienziati stanno usando le loro scoperte per creare un prodotto di Big Pharma. Hanno annunciato che sperano di sviluppare un vaccino vivo contro l’asma basato su microrganismi presenti nella polvere domestica.

Antibatterici come il triclosan
Prendiamo come esempio il triclosan . Questo antibatterico è presente, in Italia,  in molti prodotti per la casa e per la pulizia del corpo. Numerosi sono gli studi che dimostrano la sua tossicità e da anni è sotto inchiesta in molti paesi. Mentre in America finalmente è stato dichiarato  dalla FDA ( Food and Drug Administration) una sostanza chimica tossica associata a squilibri ormonali nelle persone, quindi non sarà più consentito in saponi antibatterici, in Italia è ancora utilizzato liberamente.

Lettura correlata: DENTIFRICI:INCI,FLUORO,SACCARINA.COLORANTI E TRICLOSAN



Uno studio condotto dall’università del Michigan riferisce che l’esposizione prolungata a saponi e gel contenenti triclosan  può far ammalare,  provocare allergie nei bambini, aumentando la concentrazione nel loro corpo di Bisfenolo A. L’allergia , infatti, è forse il minore dei mali, visto che si tratta di un potente interferente endocrino. La sua struttura molecolare, e la formula chimica ,sono simili a quelle di una delle sostanze più tossiche esistenti: la diossina!!

Lettura correlata: ANTIBATTERICI TRICLOSAN ALTAMENTE PERICOLOSO

Nel 2003 si è inoltre visto che la luce del sole converte il triclosan in diclorodibenzodiossina, una forma leggera di diossina. Il triclosan poi combinato al cloro nell’acqua produce cloroformio e all’esposizione al sole da origine ad una forma ancora più tossica di diossi na(quindi pensiamo a cosa mettiamo in bocca con il dentifricio che garantisce una pulizia per 24 ore, ha tutto il tempo per entrare nelle mucose!) → Continua la lettura….

Letture correlate: TRICLOSAN: DICHIARATO UFFICIALMENTE TOSSICO, BANDITO IN AMERICA. MA NON IN ITALIA.

Secondo Dorothy Matthews, un biologo del Russel Sage Castle di New York, l’utilizzo eccessivo di igienizzanti (mani, corpo, bocca, oggetti) porta il nostro corpo a reagire in modo eccessivo ai microbi utili, in tal modo il sistema immunitario dimentica come coesistere con loro. Ecco perché, invece di trattare i nostri corpi come ospedali, dovremmo imparare a trattarli come un campo. “Non dovremmo trasformare le nostre case in ambienti ospedalieri. Questo dovrebbe essere il messaggio: ”una vita senza germi non è più sana e i germi non sono cattivi„ .

Aggiunge Bullens. “Trasportiamo  costantemente con noi,nel nostro corpo,  più di 1,5 chili di germi: ognuno di noi trasporta più germi di quante persone ci siano su questo pianeta.”
Essere troppo puliti, in alcuni casi, oggi giorno si rasenta la vera fobia dei germi, ha effetti dannosi.

Se una persona, ad esempio, si lava sempre le mani con detergenti e saponi antibatterici, corre il rischio di distruggere la flora cutanea della sua mano, ciò può aumentare il rischio di infezione. Usando l’acqua da sola, o sapone naturale, può pulire mantenendo comunque alcuni dei germi che sono utili. Lo stesso vale per il lavaggio delle zone intime: non è salutare utilizzare continuamente  battericidi, basta lavarle, e lasciare che la natura faccia il suo corso e si protegga naturalmente con la sua flora batterica.

«Gli antibatterici sono utili negli ospedali, oppure nelle case di pazienti con il sistema immunitario compromesso, scrivono gli esperti del New Scientist . Per l’igiene personale bastano acqua calda e sapone; dai vestiti non è necessario eliminare ogni germe e per i capi normali è sufficiente un lavaggio a 30 gradi in lavatrice. Meglio invece lavare a 60 gradi asciugamani e lenzuola.. ma soprattutto: lasciamo che i bambini si sporchino.

Per approfondimento:

MENOPAUSA PRECOCE: COSMETICI RESPONSABILI, INTERFERENTI ENDOCRINI
PUBERTÀ PRECOCE E NON SOLO: INTERFERENTI ENDOCRINI SUGLI ADOLESCENTI



Fonte:
https://www.naturalnews.com/2017-12-06-fastest-way-to-get-sick-expert-suggests-that-were-too-clean.html

 

Lascia un commento