MIELE DI MANUKA DELLA NUOVA ZELANDA: ANTIMICROBICO, ANTISETTICO,efficace in casi di resistenza ai farmaci.

Miele di Manuka. Il miele della Nuova Zelanda dalle straordinarie proprietà.


Il Miele di Manuka è un miele prodotto solo in Nuova Zelanda, che ha dimostrato di essere un antibatterico naturale efficace, ma anche un antimicrobico e un antisettico. Inoltre si è rivelato efficace anche in casi di multi-resistenza ai farmaci

vasetto miele di manuka
In Nuova Zelanda un proverbio dice: «Dove gli antibiotici non riescono arriva il miele di Manuka»

Le proprietà terapeutiche del miele, in generale,  sono conosciute da centinaia di anni, sfruttate da varie e molteplici popolazioni, in varie parti del mondo. Raccolto dalla pianta omonima (Leptospermum scoparium), che cresce allo stato selvatico sotto forma di arbusto o piccolo albero in Nuova Zelanda, è utilizzato fin dalla notte dei tempi dal popolo Maori come cibo e nel trattamento locale di ferite, ulcere, bruciature e scottature.
Numerosi studi sono stati fatti sul comportamento di vari tipi di miele, riportati e supportati a livello scientifico, in letteratura. Il miele ha evidenziato un’alta carica antifungale e antibatterica. Ricco  di flavonoidi e componenti fenoliche,  con bassa percentuale di molecole di acqua e valore di acidità PH, in genere al di sotto del PH4, diviene così un naturale inibitore della crescita di molti microrganismi.

Il miele di manuka, con una marcia in più

Le proprietà del miele di manuka sono date dal Metilgliossale (MGO), un componente che si forma naturalmente nel nettare del fiore di manuka pronto per essere raccolto dalle api. L’attività antibatterica degli altri mieli deriva dalla formazione dei perossidi di idrogeno e svanisce velocemente quando esposta a calore e luce (mentre il Methylglyoxal rimane stabile).
Finora il miele di Manuka MGO™ è il solo alimento al mondo che contiene il Methylglyoxal in quantità significative.

Prodotto
Methylglyoxal [mg/Kg]
Miele di Manuka
100-900
Altri mieli
0-10
Altri alimenti
0-50
 
 
 
 
 

 

Il professor Thomas Henle dell’Università Tecnica di Dresda, in Germania, il cui team ha individuato la presenza di methylglyoxal come l’ingrediente antibatterico chiave nel miele di Manuka, sostiene vi sia una forte necessità di considerarlo come più di un «alimento salutare».

“Abbiamo dimostrato per la prima volta senza ambiguità che il Methylglyoxal è il diretto responsabile dell’attività anti batterica del miele di Manuka”
(Molecular Nutrition and Food Research, Gennaio 2008)

Efficace nelle malattie da raffreddamento e per combattere le infezioni, questo miele non deve mancare nella nostra farmacia casalinga.

Per quali patologie è efficace il Miele di Manuka?

Apparato digerente

Stomaco
Intestino tenue
Intestino crasso
Ulcera
Ulcera duodenale
Costipazone
Reflusso gastrico
 
Candida/parassiti
Gastrite
 
Coliti
Indigestione
 
Diarrea
Bruciore di stomaco
 
 

 

Miele di Manuka contro l’Helicobacter pylori
Secondo Thomas Henle gli antibiotici spesso non riescono a trattare in modo efficace l’Helicobacter pylori, mentre i suoi studi dimostrano che il miele di Manuka con alti livelli di MG, è stabile nello stomaco quindi offre una cura promettente e migliore per la salute gastrointestinale. Gli studi dimostrano la sua capacità di sradicare centinaia di ceppi batterici, tra cui quello dell’MRSA (Methicillin-Resistant Staphylococcus Aureus) resistente agli antibiotici. Alcuni lo utilizzano per il trattamento di disturbi digestivi, come la sindrome dell’intestino irritabile (IBS).

Guarigione delle ferite

Guarigione di ulcere, bruciature, ferite acute e croniche:
Rimuove rapidamente i tessuti lacerati.
Favorisce un ambiente umido per la guarigione delle ferite.
Fornisce un’azione anti-infiammatoria.
Aiuta il sistema immunitario per la guarigione.
 

 

 

 

 

 

Patologie della pelle

Tramite ingestione ed applicazioni topiche, si raggiungono miglioramenti nelle seguenti condizioni della pelle:
Psoriasi
Dermatiti
Acne
Eczema
 

 

 

 

 

 

 

Malattie orali ed oftalmologiche

Orecchie, naso, bocca, gola e occhi sono tutti luoghi per infezioni batteriche.

Quando è necessario un sostegno al sistema immunitario contro le infezioni (tra cui innanzitutto quelle dell’albero respiratorio: raffreddore, mal di gola, tosse, influenza), visto che il miele di Manuka ha anche proprietà immunomodulanti.

⇒ Lettura consigliata: MIELE:PROPRIETA’, USO CORRETTO DEL MIELE DA MEDICINALE A TOSSICO.

Cosa lo rende così efficace?

Tutti i mieli hanno attività antibatteriche grazie al contenuto di perossido di idrogeno, ma il miele di Manuka è un antibatterico con potenza supplementare che viene misurata dal fattore UMF (Unique Manuka Factor). Si tratta di un metodo rigoroso per misurarne l’efficacia.

Gli studi suggeriscono che alcuni tipi di miele di Manuka possono contenere fino a 550 mg di methylglyoxal al chilo, una concentrazione 50 volte superiore a quella di un miele convenzionale. Si tratta di un alimento che viene studiato e testato anche in campo oncologico.

Non tutto il miele di Manuka presenta tuttavia quantità significative di MG e ha di conseguenza questo tipo di attività antibatterica aggiuntiva particolarmente interessante e non dovuta al perossido d’idrogeno. Quello che la possiede viene denominato “miele di manuka attivo” o “miele di manuka UMF” (Unique Manuka Factor) e riporta in etichetta la quantità di MG che contiene, per distinguerlo dal miele di Manuka che non ha queste proprietà.

Lettura consigliata: MIELE:PROPRIETA’, USO CORRETTO DEL MIELE DA MEDICINALE A TOSSICO.

Come scegliere il Miele Berringa più adatto?

IL SISTEMA DI CERTIFICAZIONE DEL MIELE DI MANUKA MGO™

marchio (MGO™ Manuka Honey)L’unico standard reale e preciso per misurare l’attività affidabile unica del miele di Manuka. La Manuka Health ha introdotto un nuovo marchio (MGO™ Manuka Honey) e misura il contenuto di Methylglyoxal basato sugli standard sviluppati dall’Università di Dresda.

 
Prodotto
Methylglyoxal
Forza
MGO™100
100mg/kg
Minimo
MGO™250
250mg/kg
Forte
MGO™400
400mg/kg
Molto forte
MGO™550
550mg/kg
Extra forte
 
 
Serve leggere nell’etichetta la sigla MGO ed il suo valore (esperesso con numero+ es. MGO 120+)

MGO 120+ 
Supporta il sistema immunitario migliorando il benessere generale. Contiene un minimo di 120mg/kg di metilgliossale alimentare.120 mg/kg è il minimo raccomandato
MGO 220+ 
Con una percentuale di MGO più elevata è adatto al benessere quotidiano. D’aiuto nei leggeri bruciori di stomaco. Contiene un minimo di 220 mg/kg e di metilgliossale alimentare.
MGO 400+ 
Questo miele contiene un’elevata percentuale antibatterica, adatto sia per uso alimentare che topico. Contiene un minimo di 400mg/kg di metilgliossale alimentare.
MGO 550+ 
Con una concertazione di MGO più alta rispetto ai precedenti viene in aiuto nel trattamento di ceppi batterici resistenti. Contiene un minimo di 550mg/kg di metilgliossale alimentare.
MGO 900+ 
Un’azione antibatterica superiore, con la percentuale di MGO più elevata e un meccanismo d’azione più rapido. Adatto sia ad uso topico che ad uso interno. Contiene un minimo di 900mg/kg di metilgliossale alimentare.

Come sceglierlo

Il miele di Manuka più efficace è quello biologico. Ciò significa che non si utilizza alcuna sostanza chimica durante il raccolto e la produzione del miele. Inoltre esso viene raccolto lontano da attività agricole.

Il dosaggio standard per l’assunzione del miele è di un cucchiaino preso prima dei pasti, fino a tre volte al giorno.

Copertina libro di Detlef Mix: Il Miele di Manuka  E le sue straordinarie proprietà curative naturali
E le sue straordinarie proprietà curative naturali
€ 12.9

Ti consigliamo

Disclaimer

Queste informazione non sono destinate a diagnosticare, trattare curare o prevenire alcuna malattia e non può in alcun modo intendersi come sostitutivo di atti medici. Si consiglia di consultare il proprio medico o naturopata di fiducia, prima dell’assunzione, anche se si è in buona salute. E’ inoltre indispensabile consultare il proprio medico se ci si trova in stato di gravidanza, allattamento, o durate una cura farmacologica. Eventuali dosaggi menzionati sono puramente indicativi e potrebbero non essere appropriati per il vostro caso specifico.

I limiti di composizione previsti dalla nuova norma sono in alcuni casi diversi da quelli precedentemente in vigore: in alcuni casi sono cambiati i parametri (fruttosio + glucosio al posto di zuccheri riduttori, saccarosio al posto di saccarosio apparente, conducibilità elettrica al posto delle ceneri) in altri solo i valori di riferimento (umidità max 20% invece di 21%, acidità max 50 mea/kg invece di 40 mea/kg, HMF max 80 mg/kg per i mieli tropicali)

Il miele di Manuka BERRINGA ricade in fascia tropicale per cui con valori HMF max 80 mg/k
Articolo tratto da Vivi Consapevole n. 43

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *