CLASSIFICA DEI LIBRI PIÙ VENDUTI

MACROLIBRARSI: Promozioni Bio-Shop -Agosto Sconti fino al 33% su più di 200 prodotti bio!

MACROLIBRARSI: Promozioni Bio-Shop -Agosto Sconti fino al 33% su più di 200 prodotti bio!
MACROLIBRARSI: Promozioni Bio-Shop - AgostoSconti fino al 33% su più di 200 prodotti bio!

2017/07/24

RITROVATO ANCORA UNA VOLTA AMIANTO NEI COSMETICI. DOVE STA LA SICUREZZA?

Ancora una volta rilevato amianto nei trucchi, colpa di talco contaminato.





Il pericolo che si nasconde dietro ai trucchi, soprattutto quelli contraffatti. Avete mai comprato cosmetici su internet o sulle bancarelle per cifre decisamente inferiori a quelle originali?

Prendiamo spunto da una recente indagine americana che ha rilevato asbetos, -amainto- in una popolare linea di prodotti cosmetici commercializzati per ragazze, teenagers, per riaffrontare il tema cosmetici e i gravi rischi che si celano dietro questo amato e quasi indispensabile "accessorio" femminile.

I campioni sono stati analizzati dall'Istituto Scientifico analitico a Greensboro, NewYork. Il test ha trovate tracce di amianto nel Just lustro Shimmer Powder.
Senza giri di parole, Sean Fitzgerald, capo del laboratorio, esperto riconosciuto a livello nazionale sui test sull'amianto (ha spesso collaborato con il gruppo EWG ed EWG Action), ha dichiarato:

“Con questa polvere, progettata per i bambini, potrebbero morire una morte prematura nei loro trenta o quarant'anni a causa della esposizione all'amianto presente in questo prodotto.”

Fitzgerald ha dichiarato che la presenza di amianto, probabilmente era dovuta a talco contaminato.

Il  talco può  contenere depositi di amianto, e sue tracce possono contaminare il talco anche dopo  che il minerale grezzo viene elaborato per l'uso in prodotti di consumo. Gli esperti sanitari e le agenzie governative concordano sul fatto che non esiste un livello sicuro di esposizione. Secondo l'Occupational Safety and Health Administration, o OSHA: “Non vi è alcun livello di‘sicurezza’ all'esposizione esposizione per qualsiasi tipo di fibra di amianto.

L'esposizione, anche di breve durata, come un paio di giorni ha causato il mesotelioma negli esseri umani “. Se anche la fibra più piccola di amianto  viene inalata da un bambino, può depositarsi nei polmoni e, nel corso di decenni, svilupparsi in mesotelioma, una mortale, incurabile malattia la cui unica causa nota è l'esposizione amianto.

Da anni si conosce il problema, ovvero che il talco può essere facilmente contaminato da fibre di amianto e su questo molti paesi hanno  deliberato. Teoricamente la stessa FDA amaericana lo ha messo al bando e dichiarato inammissibile la sua presenza, la Cosmetica Italiana rassicura che esistono precisi controlli di ammissibilità, eppure sappiamo benissimo che questo non basta, perchè il risultato è sempre quello: prodotti che "accidentalmente sfuggono".

Quali controlli vengono fatti?

Su quali basi oncologi e la Cosmetica Italiana tenta di rassicurare sulla non correlazione talco-cancro, quando quando le stesse ricerche della IARC, dell'Istituto della Sanità e dell'Organizzazione Mondiale della Sanità hanno confermato il contrario già nei lontani anni novanta?

Tratto da:
Le problematiche scientifico-sanitarie correlate all'amianto: l'attività
dell'Istituto Superiore di Sanità negli anni 1980-2012

Gianfranco Donelli, Daniela Marsili e Pietro Comba
Istituto Superiore di Sanità, Roma

La IX edizione della Farmacopea Ufficiale della Repubblica Italiana pubblicata nel 1985, contiene infatti l’aggiornamento della monografia “Talco” (II volume, p. 1638-1642) con l’aggiunta dell'indicazione “Non deve contenere fibre microscopiche e submicroscopiche di asbesto”, completata dalla nota a piè pagina: “Per l’analisi quali-quantitativa delle fibre si raccomanda l’impiego delle tecniche di Microscopia elettronica analitica (I volume, p. 102-104), come descritto al capitolo "Valutazione di fibre minerali in campioni di talco mediante microscopia elettronica analitica" (I volume, p. 163-166).
Di questo approccio innovativo non vi è più traccia nelle recenti edizioni  della  Farmacopea  Europea  (European  Pharmacopoeia  6.0 (2008) “Talc”3013-3014)  in  cui  si  prevede la  presenza  di  asbesto.

Si è cioè inspiegabilmente  rinunciato  all’utilizzo  delle  tecniche  di  microscopia  elettronica  analitica,
che sono le più idonee a determinare presenza e concentrazione di fibre submicroscopiche di amianto in un campione di talco (Paoletti L, Caiazza S, Donelli G, Pocchiari F. Evaluation by electron microscopy techniques of asbestos contamination in indu-strial,  cosmetic  and pharmaceutical  talcs.  Regul Toxicol Pharmacol 1984;4:222-35)

Tale  decisione,  poco  cautelativa  sotto  il  profilo  della  sanità  pubblica,  e  comunque  non  rispondente  ad  una  corretta  applicazione del principio di precauzione (Botti C, Pagliarani G. Prevention communication and equity in environmental epidemiology: ethical  issues.  Ann  Ist  Super  Sanità  2011,  47:266-272)  suscita  maggiore  perplessità  ove  si  consideri  che  l’International  Agency  for Research on Cancer (IARC) ha ribadito nel suo aggiornamento  del  1998  quanto  già  sostenuto  nella  monografia  sul  talco  del  1987 circa l’esistenza di una sufficiente evidenza di carcinogenicità
per  l’uomo  del  talco  contenente  fibre  asbestiformi.
Nello  stesso 
documento viene riportato come uno studio caso-controllo abbia
suggerito un approssimato raddoppio del rischio di cancro ovarico
tra le donne che fanno uso perineale di talco
(WHO-IARC Mono-
graphs on the Evaluation of Carcinogenic Risks to Humans. Vol 42
“Talc”, 1987. Last updated 23 April 1998)
. La stessa IARC in una sua più recente monografia afferma come vi sia sufficiente evidenza per  un’associazione  causale  tra  esposizione  ad  amianto  e  cancro  ovarico (IARC Monographs on the Evaluation of Carcinogenic Risks to Humans. Carbon black, titanium dioxide and talc. Vol 93: 412-413, 2010).

Oncologi che si smuovono dichiarando, che è impossibile che il talco sia causa di tumore alle ovaie, da dove prendono le fonti di tale certe verità? Certamente il talco puro, pulito, forse non crea danni...( la lavorazione del talco, a prescindere dall'amainto, risulta estremamente pericolosa), ma quale certezza abbiamo che il talco utilizzato non sia contaminato? visto che troppo spesso sfuggono ai controlli? e viene permesso il commercio di prodotti esteri via internet e non solo?

Acquisti online o in bancarelle di mercato

Diciamolo chiaramente, quante non sono state tentate, soprattutto ragazzine, agli acquisti di cosmetici online, scovando magari il grande affare e risparmiando qualche euro rispetto alla "limiteted edition" del negozio?

Bisogna fare molta attenzione, perchè se è già molto difficile sbrogliarsi dalla truffa e dalle sostanze nocive nei prodotti in profumeria, online e nei mercati il rischio si quintuplica.

Il problema non è la ragazzina che acquista, il problema è in chi permette la vendita e finge controlli mettendosi al sicuro dietro leggi e fogli di carta, dando il via libera, chiudendo gli occhi, all'entrata di prodotti esteri con la vendita on line, oppure il permesso di vendita a banchi, di mercato o fiere, che hanno tutto fuori che prodotti controllati. Nella maggior parte dei casi si tratta di prodotti originali, ma scaduti, fondi di magazzino conservati male, che possono scatenare reazioni allergiche. Generalmente sono trucchi di qualche anno fa (infatti non trovate mai le ultime uscite), esposti a fonti di calore; inoltre spesso non vengono utilizzate sostanze antibatteriche per produrli, perché troppo costose. Oltre a queste poi esistono i palesi falsi provenienti da lavorazioni non sicure, se non addirittura da paesi dove l'utilizzo dell'amianto è ammesso, vedi Cina.

Perchè i funzionari addetti, oltre a controllare se i banchi hanno pagato la tassa del posto ed emesso lo scontrino fiscale, non effettuano controlli sui prodotti venduti? I cosmetici da mercato  e tanti acquisti su ebay sono prodotti altamente tossici.
Di per sé sbrogliarci nell'INCI dei cosmetici non è facile, contengono per loro natura molte sostanze dannose per l'organismo, in primis gli interferenti endocrini, se poi aggiungiamo metalli pesanti, talco ed amianto penso che sia improponibile e ridicola qualsiasi dichiarazione ufficiale sullo stare tranquilli. Come sempre esistono le leggi che vietano la produzione, ma poi vengono lasciati entrare e commerciare liberamente dall'estero.

Leggi e approfondisci con gli articoli su interferenti endocrini, cosmetici di Lifeme.it

Il fatto che esista una legge non vuol esclude la sua presenza e più volte si sta riscontrando. Quindi cosa fare?

L'unica sicurezza è cercare di:

1. Non comprare prodotti cosmetici on line
2. Non comprare cosmetici nelle bancarelle o riviste di giornale
3. Attenzione alle etichette e paese di produzione
4. Optare per prodotti Talco free (senza talco).

Almeno per l'amianto in questo modo si può stare più sereni, per tutte le altre sostanze tossiche il problema è decisamente maggiore, poichè senza dubbio i cosmetici "migliori" con maggior effetto coprente, splamabilità, etc.. hanno l'aggiunta di tutti additivi pericolosi come nanomateriali, interferenti endocrini, profumazioni, metalli pesanti.. che alla lunga, e talvolta anche nel breve periodo vanno ad interferire con il nostro sistema endocrino, metabolismo cellulare, sulla nostra salute.

Se poi il discorso si porta sui bambini è ancora più drammatico.

Alcune letture correlate

15 interferenti endocrini più pericolosi ATTENZIONE A COSA MANGIAMO,RESPIRIAMO,BEVIAMO E CI SPALMIAMO

PUBERTÀ PRECOCE E NON SOLO: INTERFERENTI ENDOCRINI SUGLI ADOLESCENTI

MENOPAUSA PRECOCE: COSMETICI RESPONSABILI, INTERFERENTI ENDOCRINI

RIDUZIONE DI TESTOSTERONE NEL FETO E MANCATA MASCOLINIZZAZIONE DA FTALATI IN GRAVIDANZA

SILICONI,PARAFFINA,PARABENI NEI COSMETICI: DA EVITARE E PERCHE'

PARABENI NATURALI: IL GRANDE MITO, IL GRANDE INGANNO

HALLOWEEN O CARNEVALE NON TRASFORMIAMOLI IN MOMENTI TOSSICI: TRUCCHI SICURI PER I BAMBINI E ADULTI

PERTURBATORI ENDOCRINI L'ENNESIMO INGANNO:USATI COME BIOCIDI, PER LA SANITÀ, NON SONO PIÙ DANNOSI


 

Fonti principali:
http://www.ewg.org/enviroblog/2017/07/when-asbestos-found-tween-makeup-it-s-time-congress-acts#.WXWawSdLf8s
http://abc11.com/news/i-team-finds-asbestos-in-makeup/2213914/
https://www.fda.gov/cosmetics/productsingredients/ingredients/ucm293184.htm
http://areastampa.cosmeticaitalia.it/it/position-paper/2016/cosmetica-italia-rassicura-i-consumatori-il-talco-impiegato-nei-prodotti-cosmetici-e-sicuro/
http://www.abc-cosmetici.it/sotto-i-riflettori/talco-e-sicurezza/
http://www.grippa.org/html/allegati/QUAD00504.pdf
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18287871

Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento è gradito...per confrontarsi,crescere insieme.Niente spam grazie.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...