MACROLIBRARSI: Promozioni Bio-Shop -Sconti fino al 33% su più di 200 prodotti bio!

MACROLIBRARSI: Promozioni Bio-Shop -Sconti fino al 33% su più di 200 prodotti bio!
MACROLIBRARSI: Promozioni Bio-Shop - Sconti fino al 33% su più di 200 prodotti bio!

2017/07/20

MANGIARE AD ORARI SBAGLIATI HA EFFETTI SUL PESO, IL TUO RITMO CICARDIANO, SULLO STATO DI SALUTE GENERALE



Oltre ad avere un forte impatto sul peso, gli scienziati ritengono che la tempistica, ovvero l'orario in cui vengono consumati i pasti, ha un forte impatto sulla durata e qualità della vita.


Un recente studio presso la UT Southwestern medical Center, su più gruppi campione, ha dimostrato come, consumando la stessa quantità di cibo solo il gruppo alimentato durante le ore di "attività" avesse perso peso.
Tradotto in comportamenti umani, questi studi suggeriscono che la dieta sarà efficace solo se le calorie sono consumate durante il giorno quando siamo svegli e attivi. Alimentarsi durante la notte è dannoso anche se si segue un'alimentazione corretta da un punto di vista calorico, questo quanto aggiunto dal dottor Joseph S. Takahashi, presidente di Neuroscienze a Peter O'Donnell Jr. Brain Institute del UT Southwestern e investigatore con l'Howard Hughes Medical Institute. Negli esseri umani, un’elevata assunzione di cibo durante la notte può portare a maggiori concentrazioni di glicogeno muscolare perché il glicogeno muscolare oscilla in base all’attività fisica e al consumo di carboidrati. Pertanto mangiare di notte, nelle ore sbagliate è correlato ad un aumento del grasso corporeo negli esseri umani.

Mangiare nelle ore sbagliate però non è solo questione di grasso e di aumento di peso, vuol dire andare ad ingerire alimenti quando il fuoco digestivo magari è basso, quindi si ha cattiva digestione,  malassorbimento, una formazione non corretta dei tessuti del corpo, e questo porta tossine, infiammazioni gastrointestinali, tossiemia, alterazione del sistema immunitario, alterazione della serotonina e tantissime patologie fisiche e mentali.


Oltre a mangiare un buon cibo è vitale che sia digeribile per noi, e la digeribilità lo determina l'equilibrio fra la nostra costituzione e mangiare nelle ore più giuste.

Diviene per questo importante non alterare il ritmo cicardiano, il rilascio di cortisolo, melatonina, e sapere quando mangiare anche durante le ore considerate di attività.

L'ayurveda, scienza milleniaria, che fornisce informazioni su tutta la nostra vita e come rimanere in salute, infatti divide l'intero ciclo del giorno in fasce, ognuna delle quali ha caratteristiche ben precise, che possono agevolare determinate attività del nostro corpo o peggiorarne altre. L'importante è stare in equilibrio.

Quante volte mangiare al giorno?

Esistono orari in cui è meglio mangiare ma quanto mangiare, cosa ingerire o se è possibile saltare il pasto dipende dalla costituzione del singolo individuo.
Non si possono dare regole uguali per tutti.

Chi è di costituzione Vata è bene che faccia almeno 5 pasti al giorno, poichè tende ad avere un consumo energetico molto alto e non è in grado di conservare l'energia prodotta. Vata tende sempre ad eccedere, quindi 5 pasti sono necessari, e possibilmente seguendo una regolarità negli orari dei pasti. Vata amerebbe anche digiunare ma non le fa bene. Importante ed essenziale è la prima colazione.

Chi è di costituzione Pitta bastano 3 pasti ma che vengano fatti. Saltare il pasto per Pitta è fattibile ma gli crea grande irritabilità.

Chi è di costituzione Kapha è l'unico dei tre dosha che potrebbe saltare anche la prima colazione, pranzo arrivando solo con il pasto della cena, senza grandi conseguenze. Ovviamente questo non è bene che diventi routine.

Quanto mangiare?


L’idea è  di comporre i pasti in modo tale da riempire il proprio stomaco per metà di cibo, per un quarto di liquidi e lasciare l’ultimo quarto vuoto. In questo modo il nostro corpo sarà in grado di digerire il pasto senza nessun problema.

Per sapere quali sono gli alimenti che ogni dosha dovrebbe prediligere, leggete le caratteristiche delle singole prakriti:

I 3 dosha: Vata Pitta e Kapha.

FAI IL TEST PER SAPERE CHE DOSHA SEI

A che ora mangiare?


Questa è la divisione della giornata secondo l'Ayurveda:

6.00-10.00 : energia Kapha
10.00-14.00: energia Pitta
14.00-18.00: energia Vata
18.00-22.00:  energia Kapha
22.00-2.00: energia Pitta
2.00-6.00: energia Vata

Prendendo in considerazione questi orari, l’Ayurveda da dei semplici consigli per la routine quotidiana:
  •     svegliarsi prima delle 6: se continuiamo a dormire dopo le 6 l’energia Kapha, ovvero l’energia più letargica e tranquilla, renderà difficile svegliarsi e prolungheremo troppo le ore di sonno. In particolare, se il nostro dosha dominante è Kapha e siamo quindi persone tendenzialmente pigre, dovremmo rispettare ancora più rigidamente questo consiglio. Se invece siamo persone Pitta, quindi iper attive, possiamo concederci un po’ più di tempo al letto la mattina
  •     mangiare il pasto principale tra le 10.00 e le 14.00: questo è il momento in cui l’energia Pitta del nostro fuoco digestivo è al suo massimo. Mangiare il pasto più nutriente della giornata in queste ore, significa riuscire a digerire al meglio ed assimilare i nutrienti contenuti nel cibo.
  •     cenare almeno tre ore prima di andare a dormire, consumando un pasto molto leggero
  •     andare a dormire prima delle 22.00, sfruttando l’energia Kapha di questo momento della giornata per rilassarci e calmarci.
Ovviamente il tutto bisogna conciliarlo anche con i ritmi di vita quindi possiamo riassumere:

COLAZIONE: h 6-10

Dopo aver svolto tutte le pratiche di pulizia e risveglio è bene fare colazione. Come potete leggere nella giornata tipo è importante alzarsi prima delle otto,  vicino alla fase Vata, per sentirsi più leggeri ed energetici.
Lettura correlata:AYURVEDA: UNA GIORNATA TIPO, ROUTINE QUOTIDIANA PER RIMANERE IN EQUILIBRIO
L'importanza della colazione è riconosciuta da sempre ma teniamo sempre presente l'individualità di cui abbiamo parlato prima. Ogni persona ha la sua costituzione, quindi le sue necessità. Attenzione, ad esempio, per i Kapha a non mangiare briosches, burri, torte, ecc...perchè , soprattutto tra le 6 e le 10 (orario kapha),  vi condizionerà con le sue caratteristiche: oltre magari a sentirvi pesanti, mangiando dolci potreste contribuire a creare maggiore adipe nel corpo e quindi ingrassare più facilmente. Meglio stare sul secco (fette biscottate, biscotti secchi e leggeri, ecc..)
Cosa è meglio mangiare al mattino, leggete il proprio dosha.

I 3 dosha: Vata Pitta e Kapha.

PRANZO: h. 12-13

L'ora del mezzogiorno è il momento fisicamente più attivo, a metà del primo periodo Pitta (h.10-14). Pitta è responsabile del metabolismo del cibo, della distribuzione dell'energia e, in generale, della massima efficienza fisica.

Questo primo ciclo termina con un altro periodo Vata che ha inizio alle 14 e termina alle 18.
Importante per qualsiasi costituzione, tempo e luogo è la condizione mentale con cui si affronta il momento del pranzo,della cena...l'atteggiamento mentale è importante per una corretta digestione.

Pranzare presto: a mezzogiorno o anche un po' prima; questo permette di usufruire pienamente della parte Pitta della giornata. Pitta alimenta agni, il fuoco digestivo, che a quell'ora raggiunge la massima efficacia. Perciò l'Ayurveda raccomanda di fare del pranzo il pasto più ricco della giornata. Durante il pranzo sarebbe meglio evitare di bere alcolici che favoriscono la sonnolenza e non aiutano a mantenere attivo il fuoco per digerire bene.
La migliore digestione avviene grazie all'acqua calda; evitare anche bibite, acqua o tè molto freddi.

Dopo pranzo: restate seduti 5 minuti in silenzio a tavola.

Ancora successivamente: fate una breve passeggiata (da 5 a 15 min) o un riposino di 5 minuti per aiutare il processo digestivo e dare stabilità a tutto l'organismo.
Dormire dopo pranzo non fa bene, fanno eccezione i bambini, le persone anziane e malate.. e nel periodo Vata delle stagioni (autunno-inverno)

CENA: h. 18-19

Con la sera inizia il secondo ciclo che ripete la stessa sequenza del precedente ma con una sfumatura diversa. La sera è rilassata e tranquilla come il primo mattino, ma il tramonto riconduce il corpo a una stabile condizione di riposo. Kapha è dunque incline all'inerzia.


Cena: Anche se il momento Kapha, tra le 18 e 19, non è l’ideale per la digestione, il nostro sistema di vita ci costringe a  consumare  il  pasto  serale  in  queste  ore:  sono  da preferire  cibi  leggeri  che  saziano  senza
appesantire e bisogna fare il possibile perché l’ora della cena non si protragga oltre le 20.30
E dato che Pitta non si farà vivo per digerire la cena fino alle 22, non conviene mettere troppo carburante nell'organismo.
E' soltanto nel pomeriggio che si ha il maggior potere digestivo, il che dà modo di avere una digestione completa, cosa per l'Ayurveda molto importante al fine di non produrre tossine. Ricordatevi di osservare questa regola del non mangiare troppo soprattutto se siete un tipo Kapha e avete più difficoltà a smaltire rispetto agli altri dosha. Potreste tentare con dei cereali caldi, pane tostato, tè alle erbe e frutta fresca.
In ogni caso è consigliabile un pò per tutti cercare di fare una cena meno abbondante rispetto al pranzo.
L'Ayurveda sconsiglia decisamente di consumare cibi fermentati alla sera: formaggi, yogurt, panna acida perchè aumentano Kapha nel corpo appesantendolo, e la carne rossa perchè difficile da digerire.
Come per il pranzo l'alcol è sconsigliato, ma al limite la regola fondamentale è di non berlo mai da solo e/o ghiacciato.

Dopo cena: breve passeggiata per stimolare la digestione e preparare il corpo alla tranquillità. Proseguite leggendo, ascoltando musica o chiaccherando.

Evitate di guardare film d'azione o cruenti a tarda notte perchè prima di andare a letto non va bene avere troppi stimoli.

CURARSI,MANTENERSI IN SALUTE SECONDO L'AYURVEDA Parte 1

Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento è gradito...per confrontarsi,crescere insieme.Niente spam grazie.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...