Cerca nel blog

2016/11/08

6-8 BICCHIERI DI ACQUA AL GIORNO: MA PER TUTTI È UGUALE? MEGLIO CALDA O FREDDA? QUANDO BERE?




Ormai è diventato un sapere ben conosciuto da tutti, il sessanta per cento del corpo umano adulto è composto di acqua. I nostri fluidi corporei: sangue, linfa, succhi digestivi, urina, lacrime e sudore sono prevalentemente costituiti da acqua. Vivere in modo sano deve quindi  includere il consumo consapevole dell'acqua.

Non improvvisiamoci medici e soprattutto cerchiamo attendibilità medica in quello che leggiamo.
Quello riportato di seguito sono le indicazioni secondo l'ayurveda.

Si trova spesso scritto di bere almeno due litri di acqua al giorno, bere alla mattina, non bere a pranzo, bere acqua calda.. ma come regolarsi veramente?

Queste regole valgono per tutti?

No. Come per l'assunzione dei cibi, ogni individuo è a se, quindi anche per i liquidi , in particolare l'acqua bisogna capire le proprie necessità, costituzione e bisogni. Quando le tossine dal nostro ambiente (o cibo) si fanno strada nei nostri corpi, si scaricano nella nostra urina (95% di acqua) e il nostro sudore (99% di acqua). La quantità d'acqua necessaria può variare da persona a persona.
Dove viviamo, il nostro livello di attività e le nostre diete influenzerà quanta acqua il nostro corpo ha bisogno.

Il fattore che fa  la differenza in forza, vitalità e energia, è la potenza del Fuoco gastrico (o forza digestiva) che ognuno ha in una certa misura , secondo il suo tipo di metabolismo ayurvedico. Quando questo Fuoco diminuisce, il corpo si indebolisce e si ammala. (Ogni individuo ha il suo potere gastrico!)
Chi non vive in un luogo tropicale invece, e segue una dieta crudista o fruttariana può accusare col tempo dei problemi e indebolimenti o infezioni, a causa della diminuzione di tale Fuoco, o del suo semi-spegnimento. Possiamo però sanare questa situazione semplicemente ingerendo acqua calda o bollita in precedenza.

Più forte è il Fuoco digestivo, più forte è la resistenza mentale e fisica, e quindi il sistema immunitario, e più brillante diventa il bagliore della pelle.

Assumere acqua è importante ma ci sono eccezioni e raccomandazioni.
Vediamo come l'ayurveda (la scienza del rimanere in salute) indica le varie assunzioni.

Restrizioni sul consumo d’acqua


L’acqua non dovrebbe essere consumata o consumata in piccolo quantità da chi soffre di funzioni digestive scarse, tumori nella parte addominale, anemia, diarrea, emorroidi e disturbi al duodeno. In questi persone è già presente una problematica di mancanza di forza digestive, bere acqua in eccesso non farà altro che peggiorare la loro condizione. (bere acqua in eccesso non vuol dire non bere..in caso di diarrea infatti è bene reintegrare i sali, bevendo acqua addizionata)
In generale, comunque, eccezion fatta per la stagione estiva ed autunnale, le persone sane dovrebbero bere una quantità minore di acqua (tenersi su un 6 bicchieri al giorno)

Indicazioni sulle proprietà dell'acqua in generale


Acqua è fondamentale per quasi tutte le funzioni corporee : circolazione, digestione, assorbimento ed eliminazione degli sprechi, solo per citarne alcuni.
L’Ayurveda, nella sua millenaria saggezza riconosce all’acqua un ruolo molto particolare per le sue qualità e virtù terapeutiche ed i saggi l’hanno descritta nelle sue molteplici forme e funzioni ( come potrete leggere nel quinto capitolo dell’Ashtanga Hridayam che tratta specificatamente del cibo liquido )
In Ayurveda l’acqua non è considerato un semplice liquido dissetante ma riveste il ruolo di cibo e come tale nutre, lubrifica e disintossica. Le qualità terapeutiche dell’acqua secondo l’Ayurveda sono:

– antiossidante
– defaticante
– digestiva
– cardiotonica
– previene la stispsi
– idratante
– aumenta l'idratazione e bellezza della pelle
– rinfrescante
– aumenta l’energia

Ushnodaka Therapy, cioè la regolare abitudine di bere acqua calda o tiepida per tutta la giornata. Rafforza la digestione, allevia il bruciore di stomaco, favorisce la perdita di peso, facilita la decostipazione dovuta a raffreddore, tosse, febbre, e disintossica il corpo.
Immette l’elemento Fuoco-Agni nel corpo, se assunta calda, tiepida o raffreddata in seguito, matenendo questa qualità (l’intelligenza sottile del Fuoco) per una giornata. La maggior parte dei problemi o malattie sono causati da costipazione da muco e tossine, dovuti alla natura di cibi innaturali, oppure al cibo non-digerito. Quindi anche il cibo sano, se non digerito, intossica l’organismo.

Acqua bollita cambia la sua natura


Partendo dall'assunto che oggigiorno l'acqua piovana non è potabile, visto l'inquinamento, quando parliamo di acqua, parliamo di acqua potabile del rubinetto.

L'ayurveda consiglia sempre la bollitura per eliminare ogni sorta di memoria dell'acqua. La  bollitura la rende più leggera e aumenta la sua potenza (virya), riducendo il raffreddamento (sheeta), provocando il riscaldamento (Ushna). Bollendo l’acqua potabile per cinque minuti l’intelligenza del elemento del fuoco viene incorporata, espandendo le proprietà dell’acqua. Questa purificazione sui livelli sottili e grossolani (sukshma), permette di pulire i canali e penetrare i livelli più profondi della fisiologia idratando i tessuti. Quindi, diventa più facile per il corpo a eliminare le tossine e le impurità.

I testi antichi affermano la differenza nel tasso di assorbimento di acqua normale e acqua bollita almeno 5 minuti:
• acqua normale – impiega circa 6 ore se ogni canale è libero
• acqua bollita e raffreddata – impiega circa 3 ore per essere assorbita, e aiuta ad aprire i canali
• acqua calda speziata – impiega circa 1 ora e mezza, grazie all’incremento del Fuoco Agni, provocato da erbe e spezie riscaldanti o piccanti-pungenti.

Come bollire

Fate bollire una quantità sufficiente di acqua di rubinetto meglio se senza cloro o l’acqua minerale in una pentola aperta, per almeno dieci minuti. Conservare l’acqua in un thermos e prendere qualche sorso (o più, se si ha sete) ogni mezz’ora per tutta la giornata. Per aumentare l’effetto positivo è possibile aggiungere 1-2 fettine di zenzero fresco (o un pizzico di zenzero in polvere). Una volta fatto questo si ha “ushnodaka”, o acqua calda (bollita). Non avrete bisogno di riscaldare l’acqua : la sua natura è ora “calda”.

Diviene però distinguere quanto far bollire l'acqua.

Far bollire l’acqua a fuoco basso, e quando comincia l’ebollizione, l’acqua è ritenuta trasformata in Ushnodaka e in più leggera quando il suo volume diventa il 50% dell’originale.

I tempi di bollitura variano da persona a persona a seconda della costituzione (è bene seguire le indicazioni del proprio medico ayurvedico). In generale:

L’acqua ridotta per bollitura a 3/4 del proprio volume pur passando attraverso un processo di purificazione e riduzione, mantiene le sue qualità di coesione e pesantezza ed è utile per alleviare  dosha vata;
Quella ridotta a metà del proprio volume allevia pitta dosha, mentre l’acqua ridotta ad 1/4 del proprio volume, diventa molto più leggera ed ha la proprietà di stimolare il potere digestivo ed alleviare la costipazione diventando così più utile per il kapha dosha.



Temperatura dell'acqua: calda, tiepida o fredda

Ovviamente si parla di acqua bollita, a questo punto vediamo la temperatura.

L’acqua fredda , in generale, rallenta il processo digestivo, diluendo i succhi gastrici, in modo che non possano fare il loro lavoro nel modo più efficace, richiedendo così troppa energia per la digestione, utilizzata per portare la temperatura del liquido risultante nello stomaco alla temperatura corporea interna (fino a 1-1,5° in più di quella esterna, cioè  arriva intorno ai 38°).
Il risultato è il cibo parzialmente o non-digerito che si muove attraverso il sistema digestivo, e che può non essere eliminato correttamente. Ci si può anche sentire pesante, stanco e gonfio. L’eliminazione adeguata è importante per evitare l’accumulo di materiale di scarto nell’intestino, perché tale accumulo crea tossine e blocca l’assimilazione dei nutrienti da parte del corpo.
In genere comunque l’acqua può diventare molto indigesta se bevuta nello stesso momento fredda e in grandi quantità.

Acqua Fredda, comunque, può risultare utile perchè allevia dall'intossicazione alcolica, dalla stanchezza, svenimenti, vomito, debolezza (affaticamento), capogiri, vertigini, sete, calori (da insolazione), sensazione di bruciore e Pitta in squilibrio.


L'Acqua Calda: stimola l’appetito, aiuta la digestione, è utile per la gola, è facilmente digeribile, pulisce la vescica, riduce il singhiozzo, si usa negli squilibri di Vata e Kapha. Utile contro la febbre, il raffreddore, tosse, dispnea (respirazione difficoltosa). Elimina Ama, le riniti,  le malattie respiratorie e, si dice, anche il dolore ai fianchi. E’ un vero e proprio drenaggio linfatico.


Attenzione: se affetti da reflussi gastrici, iperacidità, infiammazioni, gotta, Pitta in eccesso o febbri non si deve bere acqua molto calda. In tali casi, bollita e raffreddata l’acqua è migliore. L’acqua bollita e raffreddata va utilizzata appena preparata e non conservata per più di un giorno


Il momento ideale per bere in relazione ai pasti

- Bere acqua durante i pasti

È un’abitudine salutare. Aiuta a lavorare il cibo ed a digerirlo.

- Bere acqua dopo i pasti

Provoca obesità. Subito dopo i pasti, nella fase iniziale della digestione, Kapha è dominante, bere dopo i pasti aumenterebbe ulteriormente questo dosha, influendo così sull’assimilazione errata delle sostanze nutriente e conseguenti problemi di obesità. Si va infatti a bloccare il lavoro digestivo. È come versare acuqua fredda in una pentola che bolle..

- Bere acqua prima dei pasti
Provoca dimagramento, debolezza. Se si beve prima di mangiare, il fuoco digestivo, l'appetito e la forza verranno impoveriti. Quindi è sconsigliato.

Quanta acqua bere durante il giorno


Quanta acqua si deve bere dipende dalla vostra età, la quantità di lavoro fisico o esercizio che fate, il tempo, la vostra dieta, i livelli di stress, gli integratori alimentari a base di erbe, e il vostro tipo di corpo.

I tipi di metabolismo Pitta sono caldi e di solito più assetati rispetto ai tipi Kapha. I tipi di Vata sono spesso stitici o hanno la pelle secca e, quindi, hanno bisogno di bere più acqua tiepida.

Circa 6-8 bicchieri di acqua bollita al giorno sono una giusta quantità generale da cui partire per mantenere le tossine sotto controllo, quindi lucidità mentale, riduzione dell'ansia, corpo, pelle idratati. 
È importante la frequenza piuttosto che la quantità  .

L’Ayurveda consiglia di bere acqua in modo regolare nell’arco della giornata, meglio a piccole dosi e, se vogliamo avere un’efficace azione purificante per l’intero organismo.

8 ragioni per continuare per bere acqua:


1. Mantiene la vostra mente intuitiva: i nostri cervelli sono per lo più acqua. Bevendo si mantiene la mente "idratata" – aiuta a pensare, migliora la concentrazione e tiene vigili.
2. Idrata la pelle: la principale idratazione della pelle non avviene dall'esterno con creme ed oli ma dall'interno. L'acqua mantiene la pelle morbida ed elastica e riduce le rughe.
3. Previene il mal di testa: lo sapevate, maggior parte dei mal di testa sono causati da lieve idratazione? Se siete inclini a mal di testa, provare ad aumentare l'assunzione di acqua. Rimanere idratati anche può aiutare a eliminare o ridurre l'incidenza delle emicranie.
4. I Crampi muscolari diminuiscono: l'acqua è il sistema di lubrificazione naturale del corpo. Una corretta idratazione manterrà le articolazioni lubrificate e i muscoli più morbidi ed elastici – che ridurranno il dolore.
5. Rimuove le tossine: i nostri corpi usano l'acqua per svuotare naturalmente i rifiuti attraverso il sudore e la minzione, assicurando migliore equilibrio del sistema. Accumulo di tossine e malattia, per approfondimenti leggi qui.
6. Amplifica la difesa immunitaria: considerando il ruolo importante che l'acqua svolge nella rimozione delle tossine, diviene ovvia la sua capacità di amplificare esponenzialmente il sistema immunitario. In caso di febbre, raffreddore, occorre aumentare la quantità di acqua bevuta.
7. Aiuta a mantenere in equilibrio il peso: l'acqua aiuta a mantenere il nostro appetito sotto controllo. Durante i periodi di perdita di peso, il corpo abbatte più sostanze che richiedono l'eliminazione. Le tossine che sono state conservate nel tessuto adiposo possono essere rilasciate in quantità maggiore in questo periodo. L'acqua aiuta a lavarle fuori del nostro corpo. L'acqua è particolarmente importante per le persone che seguono diete povere in  carboidrati ed alte in proteine, poichè tendono a mettere ulteriore stress sui  reni a causa dell' accumulo di azoto. Ci vuole un po' acqua per elaborare questo sottoprodotto (azoto) in eccesso.
8. Migliora la digestione: forse uno dei ruoli più importanti dell'acqua. Buona salute dipende dalla buona digestione.
L'acqua è fondamentale per l'assorbimento e la digestione del cibo. Acqua aiuta anche a prevenire la stitichezza, quindi possibile causa di tossiemia.

Attenzione

1. Ascoltare il proprio corpo
In generale si dice di ascoltare il proprio corpo, lui sa se ha sete. Vero, verissimo.. ma spesso si è in trappola di comportamenti scorretti, dovuti anche alle necessità (lavoro, studio, stress) e quindi può, involontariamente mandarci segnali sbagliati, o non essere nella capacità di ascoltarlo.  Quindi accertarsi di bere almeno 6 bicchieri durante il giorno.. Una volta insegnato con moderazione al corpo come vivere idratato.. potremmo fidarci di lui.

2. L'acqua si assume mangiando verdure e frutta.
Sicuramente chi segue una alimentazione di questo tipo  richiede meno acqua ma non meno di 6 bicchieri... e soprattutto come visto prima non si può generalizzare. Ogni persona ha il suo fuoco digestivo e può richiedere di bere acqua tiepida per controbilanciare l'assunzione di cibi freddi. I cibi freddi e crudi non fanno bene a prescindere.

Lettura correlata
INTESTINO TOSSIEMIA CAUSA DI TUTTI I MALI


Le informazioni contenute in questo blog non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio o indicazione riportata

FAI IL TEST PER SAPERE CHE DOSHA SEI

Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento è gradito...per confrontarsi,crescere insieme.Niente spam grazie.