Cerca nel blog

2016/11/27

ALLEVIA IL MAL DI SCHIENA E MIGLIORA LA POSTURA CON QUESTO ESERCIZIO






Attualmente il mal di schiena colpisce circa 15 milioni di italiani e l'80% dichiara di averne sofferto almeno una volta in vita loro, questo secondo la è una vera e propria patologia che, secondo la SICV (la società italiana di chirurgia vertebrale).





Escludendo incidenti, la motivazione principale è dovuta a cattiva postura a sua volta influenzata, sostanzialmente, da una precisa condizione emotiva (ansia, depressione, insicurezza, tristezza, paura, senso d'inferiorità..).

Uno squilibrio posturale, dovuto a sollevamento pesi, seduta serrata accavallando le gambe, o con gamba sotto i glutei, tendenza a stare curvi, sollevamento pesi in modo errato.. per ultimo e forse per primo lo stress, e condizioni emotive di sofferenza portano ad un incremento di pressione sulle articolazioni, sui muscoli e quindi sui dischi. Agire sulla postura è sicuramente il passo "più facile". Quindi poniamo consapevolezza.






3 importanti motivi per occuparci della nostra postura
→   Una postura errata aumenta il rischio di mal di schiena, ernie discali, senso di oppressione al petto, e cattiva circolazione del sangue
→    Correggere la postura può far scomparire i dolori alla schiena, alle spalle e al collo
→    Gli studi hanno dimostrato che una buona postura riduce lo stress, equilibra gli ormoni, migliora la digestione, la respirazione, la chiarezza mentale, e l’immagine complessiva di noi stessi. (un accorgimento immediato è quello di non accavallare le gambe)

Troppe ore seduti e poca elasticità della colonna vertebrale


Siamo una società che sta troppo seduta. Questo comportamento è la "morte" della nostra colonna vertebrale. Infatti stando molto tempo seduti, ogni giorno, i  muscoli si indeboliscono e cominciamo ad avere una postura peggiore errata senza accorgercene, non solo, tendiamo a fare poco movimento mirato alla schiena. Magari corriamo, andiamo in palestra, ma questo non vuol dire rendere la schiena flessibile, anzi spesso, si tende ad accentuare la sua immobilità.

Purtroppo, diamo ancora troppa poca attenzione alla nostra colonna vertebrale, la cui vitalità, elasticità è la principale fonte di benessere.
Molte posizioni possono aiutare ad estendere la schiena, e a rinforzare la muscolatura, quindi a proteggere ed estendere la colonna vertebrale.
Bisogna comunque fare molta attenzione perchè, ad esempio, molte posizioni utili, come i piegamenti in avanti, non sono fattibili per chi presenta ernie.
Per chi ha ernie discali invece sarebbero di più sollievo i piegamenti indietro, anche se, come conseguenza, presentano maggior rigidità muscolare. Un gatto che si morde la coda.

Questo esercizio può risultare quindi utile.
Da evitare in caso di ernie lombari in posizione anteriore, gravidanza, mestruazioni abbondanti.

In Yoga questa posizione è chiamata Salabhasana, posizione della locusta.
presenta, come ogni asana tante varianti, utili, al nostro livello.

Nel metterlo in pratica non fare movimenti bruschi ma sempre dolci e nei limiti delle tue capacità personali. Praticandolo quotidianamente acquisirai più praticità e sentirai bene i muscoli che stai allenando.

Fase 1
Sdraiati a pancia in giù con la fronte che tocca il pavimento e le braccia dietro lungo il corpo.

Fase 2
Stendi le gambe dritte dietro di te alla larghezza dei fianchi con il dorso dei piedi poggiato a terra.

Fase 3

Appoggia il mento a terra, le braccia sono stese.
Stringere le dita a pugno inserendo il pollice all'interno del pugno.
Stendere le braccia lungo il corpo e posizionare i pugni (lato pollice) nel linguine. Con calma è possibile rinforzare la posizione stringendo le due mani a pugno insieme (incrociando le dita) e posizionarle sempre all'altezza del pube.

Fase 4

Ora solleva, inspirando, la gamba destra, espira e riabbassa (ripeti 3 volte)
Fai lo stesso con la gamba sinistra.

Inspira e solleva entrambe le gambe, facendo leva sui pugni. Mento e spalle ben aderenti a terra.

Mantenere questa posizione da 10 secondi fino a un minuto a seconda della capacità. Ripetere 5-10 volte. Inizia con poco aumentando gradualmente il tempo e le ripetizioni ogni giorno.


Con il tempo praticare le varianti che troverete qui, in modo da rinforzare sempre più le fasce muscolari del tronco e delle gambe. Le varianti prevedo di alzare anche il busto e stendere le braccia indietro mentre si alzano le gambe.
Svolto con costanza, giornalmente, si possono avere risultati già nella prima settimana.




Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento è gradito...per confrontarsi,crescere insieme.Niente spam grazie.