Cerca nel blog

2016/08/22

FARE YOGA: PER TUTTI, NON È MAI TROPPO TARDI, SCOPRIAMO GLI UNICI LIMITI




 “Alla fin fine la posizione perfetta è quella praticata con consapevolezza ed entusiasmo[…]”.

Lo yoga è per tutti, un'affermazione che come insegnante di yoga terapia mi sento ribattere spesso con dei ma e dei però.

I limiti dello Yoga


Vero ci sono dei limiti a fare yoga, in particolare yoga terapia, ma non arrivano da una componente fisica della patologia, o dall'età, i limiti che vanno abbattuti sono i limiti mentali e gli stereotipi.

Sempre più spesso mi sto imbattendo in persone che mi dicono "Ah mi piacerebbe, ma io yoga non lo posso fare" "il mio dottore mi ha detto che non lo posso fare" "io l'ho fatto tempo fa ma sono peggiorata con lo yoga" o ancora
" Vorrei, deve essere proprio bello, ma non ho proprio tempo .."

Il peggio a mio avviso sono i casi in cui il futuro allievo va da un insegnante e l'insegnante stessa, di super mega centri di yoga, risponde che avendo ernie, la spina dorsale mal messa non può farlo assolutamente.
Mi chiedo quale preparazione ci sia alle spalle e quale conoscenza, ovviamente con tutta la buona fede.
Queste risposte sono dissonanti con il significato stesso di yoga.

Lo yoga è per tutti, non è fitness, non è la moda commerciale che impereggia oggigiorno e quindi non è acrobazia.


Yoga è unione e respirazione, non imitazione della posizione dell'insegnante o della rivista. Yoga non è il raggiungimento della posizione perfetta è il raggiungimento dell'unione; quando il tuo corpo e la tua mente sono in presenza nell'ora in sincrono con la tua respirazione.
Non diviene quindi importante raggiungere con la testa le ginocchia o con le mani la punta dei piedi, possiamo scendere anche di soli 5 cm ma se siamo presenti nel respiro, inspiro, espiro, è perfetto; senza pensare a cucinare,a tutte le cose che non si stanno facendo, alla vicina che lei però... vedi come è brava, riesce a piegarsi..

Tu stai facendo yoga anche se sei seduto su di una sedia o sdraiato sul letto e con la mano sulla pancia fai una lenta e profonda respirazione addominale.

Quindi chiunque possa respirare in modo autonomo è in grado di fare yoga.

Yoga non è per essere magri e snelli, certo può aiutare ma come effetto "collaterale", yoga è cambiamento, ricerca e movimento verso l'equilibrio mentale e fisico, verso la guarigione.

Yoga  va oltre il limite in ogni senso, perchè non ci sono neppure limiti di età, ogni posizione ha mille varianti ed il ritmo lo detti tu con il tuo respiro.

Camminando in montagna, si deve andare alla velocità di quello che va più piano. C’è un anziano nel gruppo? Si metterà lui davanti, a decidere l’andatura dell’intero gruppo, che si adatterà.

Una bellissima testimonianza viene da Vanda Scaravelli , la grande insegnante di yoga italiana, che lo ha scoperto a 40 anni e grande testimonianza è che la mostra, a 90 anni, mentre si piega meravigliosamente all’indietro.

Certo non dobbiamo pensare di fare posizioni acrobatiche con un'ernia o patologie gravi alla colonna vertebrale ma tante sono le posizioni comunque fattibili e soprattutto tanta respirazione, mudra, mantra..

Come vedete tutto viene abbattuto, l'unico limite che rimane è la singola volontà e l'annullamento degli stereotipi

ma sopratutto è importante arrivare a comprendere che Yoga è sul e fuori dal tappetino.. senza vergogna e senza paura.












Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento è gradito...per confrontarsi,crescere insieme.Niente spam grazie.