Cerca nel blog

2016/04/20

NUOVA RACCOMANDAZIONE: I VACCINI IN GRAVIDANZA PER PROTEGGERE LA SALUTE




Nuovo caso di dissonanza cognitiva offerto da chi ci controlla e "guida", che si può tranquillamente chiamare comportamento bipolare.
Informazioni dissonanti fra loro che vengono fornite singolarmente come incompatibili e poi nel mescolo delle carte spacciate per compatibili e valide.

Questa volta spetta al ruolo della madre, durante la gravidanza, come fattore incidente nella salute del feto.
Una vita intrauterina che viene influenzata epigeneticamente dalla madre solo a secondo degli interessi.
Infatti mille più una sono le raccomandazioni...talvolta costringendo la donna anche a soffrire di mal di denti, emicrania, e via via anche situazioni più gravi piuttosto che farle assumere medicinali... ma poi nel bello della favola arriva l'ipocrisia più bieca... forzarla ad iniettarsi vaccini anti-infettivi ossia farmaci immuno-attivi e pro-infiammatori, zeppi di veleni per proteggere se ed il bambino..


Non è un comportamento bipolare che crea una vera dissonanza cognitiva?

Prima informano come le sostanze tossiche creano modulazione epigenetica al feto...

La nuova biologia molecolare, l'epigenetica hanno dimostrato ampiamente come la nostra salute non sia predestinata dai geni ma viene modulata dall'ambiente esterno ed interno.
Quando nasciamo dunque non siamo un foglio bianco ma già scritto non solo geneticamente ma da tutta la modulazione epigenetica avvenuta non solo nei novi mesi di vita intrauterina ma anche da un anno prima in base al vissuto dei futuri genitori.

Ciò che fanno il padre e la madre prima del concepimento e durante la gravidanza influenzano notevolmente la vita del feto e futuro bambino, influenzando il suo fenotipo, la sua forma fisica, stato di salute fisico ed emotivo oltre che mentale.

Le più antiche culture, secoli fa, hanno messo in essere numerosi strumenti di protezione della gravidanza.

La medicina ayurvedica afferma che tutto ciò che la donna gravida percepisce con i sensi deve essere rivolto a nutrire il feto, in senso lato.
Quindi tutto quel che la donna gravida vede, tocca, annusa, mangia, beve, ascolta, si trasforma in nutrimento per il bambino che si sta formando.

La medicina tibetana prescrive comportamenti assai protettivi della donna gravida in quanto il comportamento della futura mamma condiziona la costituzione del nascituro. Infatti, durante la vita embrionale si sviluppano i tre sistemi energetici, con la formazione di un canale principale che parte dall’ombelico.
La costituzione del nascituro e, quindi, la sua reattività all’ambiente, dipenderà dalla prevalenza di uno o più umori.

Ed ora abbiamo anche una scienza, un'informazione che ci viene fornita dagli stessi organi di controllo della Salute Pubblica, dall'Oms..che ci trasmette l'importanza di un giusto stile di vita prima del concepimento e durante la gravidanza, ponendo ovviamente un occhio di riguardo sulla donna in quanto detentrice in primo piano della salute del feto.


A causa di questa relazione simbiotica tra la madre e il suo feto in sviluppo, occorre prendersi per prima cosa cura della mamma stessa prima, durante e dopo (se allatta)  la gravidanza sia per evitare l’esposizione ad elementi dannosi che per favorire una detossificazione del suo corpo, tale da creare un ambiente pulito in cui possa crescere un neonato forte e sano.



Moltissimi studi mostrano come fattori ambientali, tra cui dieta, nutrizione, qualità dell’aria, pulizia dell’acqua, metalli pesanti (come mercurio, piombo, arsenico e alluminio), xenobiotici (come sostanze  chimiche, pesticidi, plastificanti, e perclorati), farmaci e le vaccinazioni possono modificare il rischio congenito di vostro figlio. Questa area scientifica si chiama  epigenetica e studia i cambiamenti molecolari nel nostro DNA causati da fattori ambientali. Nel 2003, ricercatori della Duke University trovarono che i ratti portatori di un gene per obesità, cancro e diabete, quando nutriti con una dieta ricca di B-12, acido folico, colina e di cibi ricchi del gruppo metilico, avevano piccoli che nascevano sani e con un ridotto rischio di sviluppare la malattia; questa ricerca rivelò che questi cambiamenti genetici persistono per quattro generazioni. I ricercatori stanno trovando centinaia di sostanze chimiche non volute e potenzialmente tossiche nella placenta e nel cordone ombelicale dei neonati e anche nel latte delle madri. Questo significa che i bambini di oggi nascono con un carico tossico con cui il loro corpo appena nato deve  lottare dal primo giorno. Studi condotti in Cina, Texas, e San Francisco mostrano che se le donne incinte riescono a diminuire la loro esposizione a sostanze inquinanti durante la gestazione, possono migliorare le condizioni di salute future dei loro figli e specialmente lo sviluppo del cervello. Sostanze come mercurio, cadmio, nickel, tricloroetilene e vinilcloride nell’aria intorno alla residenza di nascita causano un 50% di aumento del rischio di autismo.

Come ampiamente discusso insieme alle sostanze nutritive il feto assorbe tutto ciò che la madre produce.. dal glucosio all'azione ormonale.
Se ad esempio la madre è in una situazione di stress con quindi un eccesso di cortisolo.. anche nel feto si avrà la stessa condizione. Infatti questi attivatori entrano nella circolazione sanguigna e vengono trasmessi al nascituro e per sostenere questa attività innescata dal sistema di protezione (combatti o fuggi, risposta allo stress) il flusso sanguigno del bambino viene deviato principalmente proprio ad organi preposti alla conservazione, quindi alle braccia,gambe, aree cerebrali adibite ai riflessi istintuali, reprimendo l'attività di altre aree cerebrali..
Vengono così cambiati i caratteri della fisiologia del bambino e della sua risposta emotiva e risposta energetica, salutare.

Infatti pensate a quante raccomandazioni vengono fatte alle madri su  quanto l'ambiente in cui vivono può influenzare il feto:

- fumo
- droghe
- medicinali
- metalli pesanti
- alimenti di cui si nutre (dolci, vitamine, sali minerali... vanno a modificare epigeneticamente come abbiamo visto)
- sostanze cosmetiche  e detergenti
- interferenti endocrini
- ambiente esterno inquinato e tossico
- stati emotivi


Tutte queste raccomandazioni non arrivano per buon senso.. ma dalle stesse organizzazioni che come vedremo dopo, che in atteggiamento apparentemente dissonante consigliano poi iniezione di vaccini.

Conferenza Internazionale sulla programmazione fetale e la tossicità nell’età dello sviluppo

Con tutte queste evidenze contro varie tossine ambientali che affliggono lo sviluppo umano, un' assemblea internazionale di scienziati, medici, tossicologi e ricercatori patrocinati dall' OMS, l'Organizzazione Mondiale della Sanità (World Health Organization - WHO), l’Agenzia europea per l'Ambiente, il Centers for Disease Control and Prevention (CDC), e il National Institutes of Health (NIH) si sono riuniti alle Isole Faer Oer tra il 20 e il 24 maggio del 2007, per la 
Conferenza Internazionale sulla programmazione fetale e la tossicità nell’età dello sviluppo.

Intento della conferenza era quello di evidenziare le nuove conoscenze sugli effetti dell’esposizione tossica in età prenatale e nella prima età post-natale e i loro effetti prolungati sulla persona nel corso della vita umana. La loro dichiarazione consensuale è stata chiara: “è il momento di agire subito”. Come prevedibile, vennero messi in luce i risultati di centinaia di studi che mostravano che una esposizione fetale precoce a sostanze tossiche, anche a concentrazioni basse, può causare problemi di salute successivi.

C’è un numero crescente di sostanze chimiche che danneggiano lo sviluppo dell’embrione, del feto e del neonato e tra queste pesticidi,  DDT, atrazina, metoxicloro e vinclozolina. Sospetti ci sono anche sulle plastiche e  sulla resina epossi-bisfenolo A, su sostanze plastificanti chiamate ftalati, mercurio, piombo, arsenico, organotossine, policlorobifenili (PCB), ossido di carbonio, smog, fumo del tabacco e alcool, additivi alimentari. I problemi di salute causati dall’esposizione a queste sostanze comprendono un vertiginoso numero di malattie che vanno dal cancro, al diabete, all’obesità, all’asma e alle allergie, e anche problemi respiratori, riproduttivi, cardiovascolari, neurologici, cognitivi, endocrini, psicologici e immunitari.

Altre sostanze che creano problemi sono i parabeni (presenti in varie creme e lozioni cosmetiche) e il triclosano, un agente antibatterico (presente in dentifrici, saponi e prodotti per l’igiene). Sebbene i parabeni e il triclosano non siano ingeriti, assorbire sostanze chimiche attraverso la pelle può essere più pericoloso che ingoiarle perché le applicazioni transdermali sono trasportate direttamente nel flusso sanguigno.  La maggior parte delle donne assorbe circa 23 chilogrammi di sostanze chimiche ogni anno solo dai cosmetici che usa! Ci sono poi le esposizioni aggiuntive dovute allo stile di vita, alla professione, al posto in cui si vive. Per gli elementi quindi per cui abbiamo la possibilità di decidere noi, dobbiamo scegliere avvedutamente. Dopo tutto non è solo la nostra vita ad essere influenzata dalle nostre scelte, ma la salute dei nostri bambini e di tutta la progenie.


Nella loro relazione concludono affermando:
  •     Tre aspetti della salute del bambino sono importanti in relazione ai rischi della tossicità nell’età dello sviluppo. In primo luogo il peso delle sostanze chimiche presenti nel corpo della madre sarà condiviso dal  feto o dal neonato ed è probabile che il bambino sia esposto a dosi tanto più grandi quanto maggiore è il peso corporeo. In secondo luogo la suscettibilità a effetti avversi è maggiore nel corso dello sviluppo, che va dal periodo precedente la nascita fino all’adolescenza. Infine l’esposizione alle sostanze tossiche presenti nell’ambiente può condurre a danni funzionali permanenti e a un incremento del rischio di malattia.
  •     La ricerca sul ruolo dell’ambiente nella programmazione della salute e della malattia nella fase dello sviluppo ha pertanto condotto a un nuovo paradigma nella conoscenza tossicologica. Il vecchio paradigma, sviluppato oltre quattro secoli fa da Paracelso, recitava “la dose fa il veleno”. Tuttavia per l’esposizione prolungata nella fase del primo sviluppo, il fattore più determinate è quello relativo al periodo in cui ha luogo l’esposizione, per cui ‘il periodo fa il veleno”. Tale paradigma esteso deve essere tenuto nella massima considerazione se si desidera salvaguardare il feto e il bambino da rischi evitabili (…).
  •     Tra i meccanismi coinvolti, particolare preoccupazione è causata dalle modifiche dell’espressione genetica dovute ad alterata marcatura epigenetica. Queste possono condurre non solo a una maggiore suscettibilità  alle malattie nel corso della vita, ma anche alla trasmissione degli effetti negativi alle generazioni successive.
  •     La maggior parte delle malattie croniche è caratterizzata da multicausalità e da complessità. La comprensione di questi processi richiede un approccio più olistico focalizzato sui sistemi e la biologia dei tessuti.

Sulla base di queste affermazioni, ricerche...

.... poi sollecitano i vaccini alla madre in gravidanza


Numerosi studi inoltre documentano gli effetti neurotossici dei metalli pesanti; particolarmente pericoloso per lo sviluppo del cervello è il mercurio, che viene però iniettato a molti dei nostri bambini  con il conservante a base proprio di questa sostanza, il thimerosal, contenuto nei vaccini infantili. Sebbene infatti il thimerosal sia stato rimosso, o eliminato gradualmente, da essi, è ancora contenuto nel vaccino antinfluenzale che viene consigliato dalle autorità sanitarie a donne incinta e a bambini sotto i 2 anni di età. L’esposizione al mercurio è un tale problema che le stesse autorità sanitarie consigliano alle donne incinta di non mangiare pesce a causa della potenziale contaminazione con il mercurio, ma iniettare il thimerosal è ancora più dannoso dell’esposizione sofferta attraverso il consumo di alimenti come il pesce. I vaccini contengono anche alluminio, formaldeide e altre sostanze tossiche come virus vivi che, in un ambiente come il corpo di un neonato, possono avere un impatto molto dannoso. I metalli pesanti sono anche stati identificati come un potenziale fattore causativo di sterilità.  Diagnosticare e ridurre il carico di metalli pesanti delle donne ha migliorato le possibilità di concepimento spontaneo di donne sterili. Le donne con molte amalgame dentali hanno una più alta incidenza di aborti e una maggiore escrezione di mercurio quando viene loro somministrato l’agente chelante DMPS (acido 2,3 Dimercapto 1-propansulfonico). E’ stato trovato che il DMPS era un metodo complementare utile per aumentare la fertilità, paragonato alla terapia ormonale in donne sterili.

Alla domanda: Le donne incinte devono vaccinarsi contro l’influenza oppure no?

Risponde ad una intervista Giambattista Zivelonghi, già responsabile dell’Ufficio profilassi malattie infettive dell’Ulss 20 di Verona e tra i referenti del progetto GenitoriPiù, una campagna di sanità pubblica per promuovere alcune semplici azioni a tutela della salute dei bambini.
Tutte le autorità sanitarie, dall’Organizzazione mondiale della sanità in giù, raccomandano fortemente la vaccinazione antinfluenzale per le donne in gravidanza. Teniamo presente che la donna che aspetta un bambino si trova in una situazione di stress fisico e il suo sistema immunitario non lavora in modo ottimale. Questo fa sì che una “semplice influenza” possa diventare più seria, con sintomi più pesanti o durata più lunga. E soprattutto c’è il rischio di complicazioni, come la sovrapposizione di infezioni batteriche, per esempio la polmonite, o l’aggravarsi di problemi medici preesistenti, come disturbi circolatori, che magari in condizioni normali non si manifesterebbero neppure. Alla fine, la donna rischia il ricovero o di dover prendere farmaci che tutto sommato sarebbe meglio evitare.


Danni dei vaccini in breve

Una delle prime indicazioni che le VACCINAZIONI possono realmente essere causa di MUTAZIONI genetiche della specie umana risultò da una sperimentazione condotta nel 1971 da alcuni scienziati dell'Università di Ginevra, i quali scoprirono come delle sostanze biologiche (es. vaccini), entrando direttamente nel sistema circolatorio del sangue e, bypassando le naturali difese immunitarie, avevano la proprietà di diventare parte integrante del patrimonio genetico di quel soggetto.

Da li a ruota sono stati dimostrati
- infiammazioni a livello cellulare, tissutale e successivamente organiche o sistemiche, generando malassorbimento e malnutrizione e con il tempo anche malattie degenerative anche in eta' adulta. Queste infiammazioni producono anche di conseguenza la ionizzazione anormale dei tessuti, per cui questi tessuti vanno deionizzati.
- immunodepressione od immuneccitazione e/o Malattie autoimmuni che perdurano per tutta la vita del soggetto, se non utilizza la Medicina Naturale.
- mutazioni genetiche mitocondriali - vedi (A) + Universo Bambino - le mutazioni genetiche identificabili, sono trasmissibili alla prole.
- alterazione del metabolismo cellulare, ciclo di Krebs, e quelle del pH del citoplasma, con immediate alterazioni delle funzioni cellulari (sintesi e specializzazione delle proteine, duplicazioni del dna, mitosi e/o accelerazione dell' apoptosi) per lo stress ossidativo indotto,  che può divenire il più importante fattore di destabilizzazione nutrizionale anche dei tessuti e quindi dell'organismo, generando facilmente disfunzioni dello sviluppo e/o altre gravi malattie, tipo distrofia, sclerosi, leucemia, epilessia, ecc.- vedi: Danni Enzimatici anche con i Vaccini
- danneggiamento della "via di Wnt": la via di Wnt coinvolge tantissime proteine che possono regolare la produzione di Wnt che segnalano le molecole, le loro interazioni con i ricevitori sulle cellule e le risposte fisiologiche delle cellule dell'obiettivo che deriva dall'esposizione delle cellule all'extracellulare Wnt ligands
- intasamento della via Linfatica e dei linfonodi, con conseguenti infiammazioni ed ingrossamento di questi ultimi.
I linfonodi sono filtri biologici in grado di intercettare e distruggere eventuali germi, sostanze estranee o cellule neoplastiche presenti nella linfa, ma se questi canali + linfonodi, sono sovraccaricati dalla quantita' e qualita' di  tossine circolanti (esempio quelle provenienti dai Vaccini), essi si infiammano e si ingrossano...




Dott. Giovanni Zerlotin - Specialista in Ginecologia e Ostetricia - afferma" Anche per i vaccini, come per i farmaci, è meglio evitarne la somministrazione durante la gravidanza, a meno che non vi siano precise indicazioni."

PONIAMOCI ORA DELLE DOMANDE..


Da chiedersi come è possibile che a fronte di una campagna giustamente attenta sull'importanza della vita intrauterina, sulla modulazione epigenetica dove in pratica ogni singolo respiro, ogni singolo battito cardiaco, ogni singola emozione, ogni singolo alimento modifica lo stato del feto... MA I VACCINI NO?? I VACCINI PIENI DI VELENI, METALLI PESANTI che vanno ad agire a livello cellulare, sul sistema immunitario determinando modifica mitocondriale non passano e trasmettono nulla al nascituro?

Come possono essere ritenuti più sicuri rispetto ad un qualsiasi antibiotico? persino i detersivi per le pulizie di casa sono stati valutati pericolosi in gravidanza.. perchè le sostanze sia volatili sia da contatto vengono passate al feto.. MA I VACCINI NO..


- Non a caso però.. vengono consigliati dopo il secondo trimestre come mai?
- Non a caso però vengono consigliati vaccini inattivi piuttosto che vivi e attenuati, come mai?
- Come mai proprio il CDC che spinge ai vaccini però avverte di non somministrare vaccini attenuati a donne durante la gravidanza o a ridosso del momento del concepimento.
L’ente per la salute americano CDC scrive nel manuale ufficiale “Epidemiology and Prevention of Vaccine-Preventable Diseases”, quinta edizione,
  1. pag.152, “Donne che sanno di essere incinte non dovrebbero ricevere il vaccino del morbillo. La gravidanza dovrebbe essere evitata per almeno un mese dall’iniezione di vaccino del morbillo e per 3 mesi dall’iniezione del vaccino MPR”.
  2. pag. 184, “Donne incinte o che cercano di rimanere incinte non dovrebbero ricevere il vaccino della rosolia. Non ci sono studi sull’effetto del vaccino della rosolia sul feto, ma la gravidanza dovrebbe essere evitata per almeno 3 mesi dalla vaccinazione della rosolia o MPR”.
  3. I possibili effetti di vaccini sullo sviluppo fetale sono al momento ignoti”, pag. 1737, Pregnancy Disease Registry, USA 1999.
  4. È noto che il vaccino MR (morbillo- rosolia) può causare danno fetale”, pag. 1834, Pregnancy Disease Registry, USA 1999.
  5. Invece, “il vaccino dell’epatite B dovrebbe essere dato a donne incinte solo se assolutamente necessario”, pag. 1884, Pregnancy Disease Registry, USA 1999.

- Perchè nonostante siano assolutamente sconsigliati i vaccini attenuati però viene spinto dalla Sanità, dall'OMS attraverso il main stream il vaccino della pertosse che è invece un vaccino attenuato?

Le vaccinazioni raccomandate in gravidanza sono quelle contro difterite, tetano, pertosse e influenza. Ad affermarlo è Susanna Esposito, presidente dell'Associazione Mondiale per le Malattie Infettive e i Disordini Immunologici (Waidid).
E come dissonanza nella dissonanza invece leggiamo "Le vaccinazioni sconsigliate sono tutte quelle con virus vivo e attenuato e cioè morbillo, parotite, rosolia, varicella: dovrebbero essere fatte prima della gravidanza e bisognerebbe aspettare almeno un mese prima di cercarne una


- Perchè  vengono raccomandati per la donna in gravidanza vaccini senza adiuvanti? Da tener conto che il vaccino disponibile per l'influenza H1N1 così tanto raccomandato li contiene.. (nuova dissonanza informativa)

Forse perchè  sono stati rilevati i danni maggiori che comportano gli adiuvanti? forse perchè sono consapevoli dei gravi danni che lo squalene comporta e non è il caso di farlo assumere a donne in stato di gravidanza??
Adjuvanted influenza-H1N1 vaccination reveals lymphoid signatures of age-dependent early responses and of clinical adverse events
 
Olga Sobolev,    Elisa Binda,    Sean O'Farrell,    Anna Lorenc,    Joel Pradines,    Yongqing Huang,    Jay Duffner,    Reiner Schulz,    John Cason,    Maria Zambon,    Michael H Malim,    Mark Peakman,    Andrew Cope,    Ishan Capila,    Ganesh V Kaundinya    & Adrian C Hayday   
 Nature Immunology (2016) doi:10.1038/ni.3328


Lettura correlata:
DIMOSTRATA CORRELAZIONE TRA ADIUVANTI NEI VACCINI INFLUENZALI E REAZIONE AVVERSA IN ANZIANI ED AUTISMO


Non è chiaro quale adiuvante è stato aggiunto alla vaccinazione H1N1 in prova dagli scienziati britannici, ma con ogni probabilità è stato il AS03, un sistema adiuvante composto da DL-a-tocoferolo, squalene e polisorbato 80 in un flaconcino da 3 ml.

Se è così, allora questo era lo stesso adiuvante utilizzato da GlaxoSmithKline nel loro vaccino antinfluenzale, Pandemrix, che è stato successivamente risultato essere responsabile per l'aumento dei casi di narcolessia tra i bambini in Europa!!


Uno studio pubblicato nella rivista peer-reviewed Molecular and Genetic Medecine contribuisce ulteriormente a portare maggiore consapevolezza in merito alla correlazione causale tra il drammatico aumento della quantità di vaccini somministrati di routine nell’infanzia e l’aumento dei disturbi neuroinfiammatori quali:


Disturbo dello Spettro Autistico
Diabete di tipo 1 [insulinodipendente]
Asma
Allergie alimentari
Patologie autoimmuni
Obesità
Diabete di tipo 2
Steatosi epatica non alcolica
Patologie metaboliche


L’alluminio utilizzato come adiuvante nei vaccini causa disturbo mitocondriale.

Fra i compiti principali dei mitocondri distinguiamo:


1) producono ATP una molecola fosforilata da intendere come pacchetti energetici che fanno muovere i muscoli, attivano il cervello...
2) regolano l'espressione genica della cellula e decidono l'apoptosi (termine già usato da Ippocrate per indicare la caduta delle foglie) ovvero la morte programmata delle cose.

Quindi i mitocondri sono organelli che abbiamo nel citoplasma della cellula e sono deputati ai processi di energia, e processi di vita e morte genica.

Hanno un DNA circolare ben diverso dal DNA cellulare e fattore importante VIENE EREDITATO SOLO DALLA MADRE.

Si potrebbe continuare ancora... vi porto un'ultima "suggestione" il nanoparticolato metallico presente nei vaccini.

Ricordiamo che le Nanoparticelle sono sempre presenti in OGNI tipo di vaccino, come contaminanti tossici, ma OCCULTI.
Una delle caratteristiche delle nanoparticelle e' che quando inalate od inoculate assieme alle altre sostanze tossiche con i vaccini, (nei quali le nanoparticelle sono SEMPRE presenti in abbondanza e di tutti i tipi di metalli, che NON sono segnalate-indicate dai produttori negli appositi bugiardini....), e' quello di avere la possibilità di "recarsi" in qualsiasi parte dell'organismo (cellule, tessuti, organi) in soli 60 secondi !

Il dr. Montanari della Nanodiagnostic
vedi QUI cosa afferma: "Le analisi che abbiamo fatto in laboratorio sui vaccini (ritrovando nanoparticelle di metalli tossici di tutti i tipi) richiederebbero qualche spiegazione da parte di chi i vaccini li produce e di chi ne regge il business  sia dal punto di vista scientifico sia da quello politico".
Un esempio fatto dal dr. Montanari, sulle sue analisi sui vaccini:
Nell’Inflexal V, un vaccino antinfluenzale prodotto dalla Crucell, nel campione analizzato c’erano frammenti micro - e nanoscopici di Alluminio, Silicio e Ferro.
Nel Vaxigrip della Aventis, un altro vaccino contro l’influenza, c’erano particelle d’acciaio.
Nell’Anatetall, l’antitetanico prodotto da Novartis abbiamo trovato ancora acciaio.
Nell’Infanrix Exa, l’esavalente pediatrico della GlaxoSmithKline abbiamo trovato particelle di Alluminio e Titanio.
Nel campione di Gardasil, l’anti-HPV (Papilloma virus) della Sanofi Pasteur c’erano polveri di Piombo. E potrei continuare. Sia chiaro: solo nelle fiale analizzate.

E` stato dimostrato dal professor Nemmar dell’Universita` cattolica di Leuven che particelle da 100 nanometri, ovvero 0,1 micron, se respirate, passano la barriera polmonare in 60 secondi e in un’ora giungono al fegato

Schematico e riassuntivo questo documento della Dottoressa Gatti sul Progetto RTD sovvenzionato dalla Commissione Europea sul ruolo patologico delle micro e nano particelle. (progetto QLRT 2002-147 anno 2002/2005)


Lettura correlata:
NANOPARTICELLE,NANOMETALLI,NANOINGEGNERIA,CAUSA DELLE NANOPATOLOGIE


Quindi abbiamo un CDC che promuove vaccini in gravidanza, un Ministero della Salute Italiano che promuove vaccini in gravidanza, un OMS che promuove vaccini... ma come fidarsi se queste stesse organizzazioni nascondo, insieme ai loro complici - i media - la reale informazione come la grande frode dello stesso CDC?

29 luglio 2015 camera dei Deputati degli stati Uniti
Intervento deputato Bill Posey sullo scandalo Vaccini Autismo al CDC

Durante l’esposizione dello scandalo autismo-vaccinazioni presso la Camera dei Deputati degli Stati Uniti da parte del Deputato Repubblicano Bill Posey, è emersa all’attenzione dell’opinione pubblica un’ammissione senza precedenti
gli scienziati del CDC hanno programmato una cattiva condotta scientifica per occultare un legame significativo tra i vaccini e l’autismo nei ragazzi afroamericani.


VACCINI:IL GRANDE INGANNO ,KENNEDY DENUNCIA IL GIRO DI SOLDI DELLE CASE FARMACEUTICHE

VACCINO LA GRANDE FRODE DEL CDC: vaccino trivalente ed autismo

Questo articolo potrebbe diventare infinito se raccogliessimo qui tutte le frodi, le informazioni omesse, tutte le ricerche scientifiche dimostrate.. chiedetevi solamente come e perchè il vaccino (indubbia la sua potenza) non venga considerato rischioso nello stato di gravidanza.. anzi se ne raccomanda e promuove l'applicazione?

Perchè questa vaccinazione di massa già in atto a pochi giorni di vita deve addirittura anticipare i tempi e far nascere bambini già contaminati?


Letture correlate


QUALI VACCINI FARE DURANTE LA GRAVIDANZA

Se nonostante tutto siete ancora convinte di procedere mi raccomando informatevi e leggetevi bene lo stesso manuale offerto dal CDC dove indica per ogni vaccino la raccomandazione..Ci sono molti vaccini fra quelli suggeriti impunemente di recente come pertosse, varicella, che loro stessi li sconsigliano!! Inoltre il SE INDICATO vuol dire in estrema necessità... non prevenzione "in ogni caso è meglio farlo"..

Vi metto la tabella riassuntiva, ma se andate nel link avete la singola lista per ogni vaccino molto più dettagliata.









Fonti



https://autismovaccini.org/2016/02/21/vaccinazioni-e-gravidanza/

http://www.mednat.org/vaccini/dannivacc2.htm

http://www.anpep.it/public/site/24%20conseguenze-epigenetiche.pdf

http://www.bioeticanews.it/ii-dall-embrione-all-adulto-aspetti-biologici-dati-scientifici/

http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0014482711002850

http://www.equivita.it/Dichiarazione_Conferenza_Isole_Faroe.htm

http://www.ansa.it/saluteebenessere/notizie/rubriche/medicina/2016/04/12/vaccini-a-donne-in-gravidanza-proteggono-neonati-da-malattie_3c469d5e-0fe7-460c-b681-3530ada539a9.html

http://www.cdc.gov/vaccines/pubs/downloads/f_preg_chart.pdf

https://books.google.it/books?id=clUUCwAAQBAJ&pg=PT73&lpg=PT73&dq=epigenetica+mitocondri+gravidanza&source=bl&ots=BUvC_mEe8W&sig=-g4pjEhTTqKjrcymYcWHVO0tYgo&hl=it&sa=X&ved=0ahUKEwi5mqu--ZnMAhVD1RQKHXpYAg4Q6AEIMTAD#v=onepage&q=epigenetica%20mitocondri%20gravidanza&f=false

http://www.bioeticanews.it/ii-dall-embrione-all-adulto-aspetti-biologici-dati-scientifici/

http://www.omeosan.it/forum/viewtopic.php?f=4&t=308

http://comilva.org/vaccinazioni-materne/effetto-di-vaccinazioni-materne-durante-la-gravidanza/

http://www.gyneconline.net/ostetricia/farmaci-in-gravidanza/vaccinazioni-in-gravidanza

http://blog.conservazionestaminali.it/?p=468

http://www.ewg.org/enviroblog/2007/06/study-makes-case-further-cdc-investigation-links-between-vaccinations-and

http://www.ewg.org/research/healthy-home-tips/healthy-pregnancy

http://www.telemeditalia.it/it/ej-salute/content/entry/0/181/3642/geni-e-vita-intrauterina-i-due-fattori-che-influen.html#.VxXAgialilM
http://www.osservatoreitalia.it/source/articolo/stampa.asp?art=2976

http://www.informasalus.it/it/articoli/epigenetica-cancro-ambiente.php

http://www.osservatoreitalia.it/source/articolo/stampa.asp?art=2976

http://www.isde.it/sitovecchio/Archivio/ISDE/iniziative/2010/09_17-19_Arezzo/18%20mattina/GENTILINI%20relazione.pdf

https://autismovaccini.org/2016/04/14/il-caso-burioni/

https://oggiscienza.it/2014/12/11/gravidanza-vaccini-meningite-influenza/

http://www.cdc.gov/vaccines/adults/rec-vac/pregnant.html

http://www.cdc.gov/vaccines/pubs/preg-guide.htm

http://www.equivita.it/Dichiarazione_Conferenza_Isole_Faroe.htm

http://comilva.org/vaccinazioni-materne/effetto-di-vaccinazioni-materne-durante-la-gravidanza/

Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento è gradito...per confrontarsi,crescere insieme.Niente spam grazie.