Cerca nel blog

2016/04/15

POMODORO: COME COLTIVARLO IN ORTO E IN VASO SUL TERRAZZO



VARIETÀ


Parlare di varietà di pomodori diventa quasi assurdo vista l'immensa scelta di semi ibridi messi in commercio.
La raccomandazione è quella di comprare sementi biologiche o ancora meglio biodinamiche.
Per leggere i danni dei semi ibridi vi consiglio questo articolo.

COSA SONO I SEMI IBRIDI TRATTATI CON FITOFARMACI,ALTERNATIVE AGRICOLTURA MODERNA, : IL BIODINAMICO E BIOLOGICO

Quando arriva il momento non prendete la prima bustina di semi che vedete.. non alimentiamo il giro delle lobby ma alimentiamo la nostra salute.
Cerchiamo quindi di conservare i nostri semi per produrre l'anno seguente.

Se conservate i semi non fatelo da frutti derivati da ibridi perchè sono geneticamente instabili e recessivi. I frutti seguenti possono essere nulli o comunque molto deboli. (il gioco è proprio quello.. ogni anno comprare sementi nuove!!)

Vale la pena seminare biologico o biodinamico e poi avere le proprie sementi, anche perchè la pianta imparerà e si trascriverà geneticamente le caratteristiche del proprio terreno, aria , acqua.. ed i frutti saranno sicuramente forti e resistenti alle intemperie del vostro territorio perchè sono i frutti del vostro terreno.

PROPRIETÀ

Molto in breve il pomodoro biologico, non modificato, non da semi ibridi è un prodotto fonte di molte vitamine ( A, B1, B2, B6, C, R, K ) e di sali minerali.
Ha proprietà rinfrescanti, astringenti, dissetanti, diuretiche, digestive. Un valido aiuto per l'inappetenza, l'azotemia, arteriosclerosi, disturbi gastrici e crampi muscolari.


SEMINA/ TRAPIANTO



Semina e temperatura:
possiamo effettuarla in semenzaio (saranno perfetti dei piccoli vasetti) tra febbraio e marzo e trapiantare le giovani piante, nel vaso definitivo o in piena terra, quando saranno alte almeno 15 cm.

La germinazione del pomodoro non avviene se la temperatura è inferiore ai 15°.  E a proposito di temperatura sappiate che una volta all’aperto il pomodoro muore con temperature vicine allo 0° e i fiori potrebbero cadere o i pomodori ustionarsi quando il termometro sale sopra i 32-35°

Trapianto:  Il trapianto sicuro delle giovani piante  (di almeno 15 cm ) si effettua da maggio in poi (al Sud molto prima ovviamente) lasciando circa 30-60 cm tra una pianta e l’altra (dipende dalla dimensione della varietà scelta) e 70-90 cm tra le file.

Pacciamatura: Terminato il trapianto è buona regola coprire il terreno con della pacciamatura organica (sfalcio, paglia, ecc.) per ridurre l’evaporazione dell’acqua, mantenere umido il terreno e al tempo stesso evitare che i pomodori a cespuglio entrino a contatto con il terreno, con il rischio di contrarre malattie fungine

LUNA
Semina e trapianto in luna crescente


VASO
Avendo un apaprato radicale che si sviluppa molto rapidamente sono consigliabili vasi piuttosto grandi.
Delle vaschette o vasi da 40-50 cm di diametro e profondità sono indispensabili per una giusta crescita. Ovviamente anche se in vaso si possono avere soddisfacenti risultati in particolare per le specie a grappolo ed oblunghi, non raggiungeranno mai quelle che si possono ottenere in terra.


TERRENO
Un terreno ricco e fertile, magari arricchito con concime organico biologico quando i primi frutti stanno maturando.


ACQUA

La pianta di pomodoro necessita di molta acqua ma bisogna avere alcune accortezze, non bagnare la pianta ed i frutti nelle annaffiature, lasciare che il terreno si secchi prima di procedere alla innaffiatura, non lasciarlo sempre umido.


ESPOSIZIONE
Non teme il caldo e necessita di sole e luce per molte ore del giorno.


CONSOCIAZIONI
Lattuga, porro, cavolo, aglio, basilico, ravanello
Nel caso dei pomodori le consociazioni utili da tenere in considerazione riguardano l'aglio, il nasturzio ed il tagetes, che contribuiranno a difendere le piantine dai parassiti.

CURA

Tagliare i getti tra foglie e fusto e cimare dopo dopo 5-6 internodi. Pedisporre una struttura di sostegno.
Il pomodoro è un ortaggio che ‘a metà corsa’ (ovvero durante la crescita) potrebbe necessitare di un piccolo aiuto, quindi se vediamo che le foglie tendono ad ingiallire o a cadere, potremmo aggiungere al terreno del macerato di ortica oppure del concime organico completo e bilanciato.

RACCOLTA
Una volta matura, la pianta continua a produrre sino a fine stagione. È consigliabile staccare dalla pianta i pomodori non troppo maturi, se non si consumano immediatamente, visto che continuano a maturare anche una volta raccolti.

CONSERVAZIONE DEI SEMI


Il sistema migliore per togliere ogni traccia di polpa e gelatina è un procedimento di fermentazione.
È importante togliere la gelatina che avvolge i semi perchè rallenta la germinazione se non viene eliminata dalla superficie del seme.

  1. Si spolpano alcuni pomodori dentro a un bicchiere, che va lasciato all'ombra e a temperatura ambiente fino a quando, normalmente tre giorni, non si crea una patina bianca in superficie formata da un fungo.
  2. Arrivato questo segnale si può togliere la patina e gettarla, riempire il bicchiere di acqua, agitare un po' con un cucchiaino per aiutare la separazione e si otterrà che i semi buoni, più pesanti, andranno a fondo, lasciando a galla la polpa fermentata e i semi vuoti. Facendo travasare l'acqua dal bicchiere si eliminano le parti leggere che galleggiano.
  3. Si riempie e si travasa fino a quando l'acqua non rimane limpida e i semi puliti.
  4. È importante nello spolpare non far cadere delle bucce nel bicchiere, perché tendono a depositarsi assieme ai semi complicando i tentativi di separazione.
  5. Colare acqua e semi in un passino e sciacquare definitivamente, scolare, posare i semi umidi su un oggetto di ceramica o vetro, stenderli e lasciarli ad asciugare senza esporli al sole.
  6. Una volta ben asciutti si conservano germinativi per cinque anni.





    Altri articoli in ORTO E GIARDINO

    Tabella semine e trapianti con la luna
    Tabella consociazioni
    Tabella semine e trapianti pese per mese

Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento è gradito...per confrontarsi,crescere insieme.Niente spam grazie.