Cerca nel blog

2016/03/31

MOLLUSCHI ALL'ACQUA OSSIGENATA: DA ILLEGALE A LEGALE



Ricordate? Avevamo pubblicato tempo fa l'elenco di tutti gli additivi tossici usati sia nel pesce fresco sia in quello congelato.. a quanto pare d'ora in poi dovremo inserire anche il Aquative S3 ovvero un additivo a base di acqua ossigenata, con la precisione una miscela contenente acqua ossigenata additivi E330 (acido citrico) e l’E331 (citrati di sodio ossia i sali dell’acido citrico, antiossidanti che rallentano l’invecchiamento delle carni)”.
In realtà non è nuovo l'utilizzo dell'acqua ossigenata come potete leggere in questo articolo  dove sono riportati alcuni risultati ottenuti dopo un’approfondita indagine condotta da Eurofishmarket che ha analizzato diverse specie ittiche sia confezionati sia dal banco pescheria.

Da febbraio  2016 la Direzione Generale per la Sicurezza e l'Igiene degli Alimenti e la Nutrizione del Ministero della Salute ha deciso di autorizzare – previo parere da parte del Consiglio Superiore di Sanità – l’uso di «una soluzione contenente perossido di idrogeno (acqua ossigenata) nei prodotti della pesca destinati al consumo alimentare umano», nello specifico molluschi cefalopodi come totani, seppie.
La nota conseguente a specifica richiesta formulata da Assoittica Italia

In pratica questa paradossale nota ministeriale, che sa molto di  truffa alimentare va a modificare completamente le norme contenute nel precedente documento del 2010, dove si diceva che l’acqua ossigenata non poteva essere «in alcun modo utilizzata sul pesce fresco né essere posta a contatto con esso mediante diluizione in soluzione acquosa».


Ovviamente il prodotto miscela è stato autorizzato dietro finte precauzioni...

1) Il contenuto di acqua ossigenata sia inferiore all’otto per cento e quello di acido citrico e citrato di sodio non superiore al quindici per cento
2) Sull’etichetta dell’Aquactive 3S devono essere indicati il "tempo di contatto" con gli alimenti e le "modalità di risciacquo con acqua prima della commercializzazione al consumatore finale" per "garantirgli un elevato livello di protezione "

Quindi a sentir loro se tutto fila liscio non ci saranno problemi di reazioni allergiche in quanto in questi pesci, se utilizzata in giusta misura, non porterebbe al rilascio dell’istamina (è la sostanza responsabile delle reazioni allergiche, dunque di sintomi come prurito, rash cutanei, febbre e altro).


Secondo Alberto Mantovani, dirigente di ricerca presso il dipartimento di sanità pubblica veterinaria e sicurezza alimentare dell’Istituto Superiore di Sanità, «in queste specie non esiste il rischio di produzione di alte dosi di istamina». Quanto all’acido citrico, «l’Efsa l’ha valutato come una sostanza di minima tossicità, che in breve tempo viene metabolizzata in anidride carbonica e acqua».
Mentre il perossido di idrogeno (acqua ossigenata) se usato come coadiuvante tecnologico, non lascia residui al termine della lavorazione dei cefalopodi». Trattandosi di un acido, però, esiste una possibile preoccupazione per l’azione irritante su occhi, pelle e mucose. «Potrebbe essere opportuno un uso cauto e con protezioni anche per gli operatori che “spruzzano” il prodotto sul pescato», prosegue Mantovani.


In pratica da illegale l'uso di acqua ossigenata è diventato legale.. in pratica si è raggirato l'impossibilità di usare un altro sbiancante in voga come il Cafodos (tra l'altro reperibile benissimo in rete) dietro questa nota pagliaccio.

Ricordo un'attenta lettura di

PESCE FRESCO ,SURGELATO CONGELATO CON ADDITIVI

Per capire tanti retroscena sul pesce fresco e surgelato... forse non molti sanno o conoscono solo in parte quanto venga manipolato anche il pesce "fresco" con additivi “di nuova generazione” ossia tutte quelle sostanze non utili ma che servono solo ad  renderlo più bello o più pesante (trattenenti di umidità) camuffando così la "vera non freschezza"!!!
Ancora meno conosciuti sono i metodi con cui avvengono queste aggiunte di additivi: con iniezione diretta o per immersione.. non solo su filetti ma anche su pesci interi!

  • I polifosfati (aggiunti per lo più per incrementare il peso del prodotto facendogli trattenere umidità);
  • I citrati (a scopo per lo più “sbiancante”);
  • L’acqua ossigenata (a scopo per lo più sbiancante).




Il problema fondamentale è la visione completamente errata che abbiamo del cibo noi consumatori, indotta sicuramente da una manipolata informazione che stimola in modo errato il nostro senso estetico.. quindi cerchiamo frutta coloratissima e lucida, carni rossissime, molluschi bianchissimi..

Nel caso specifico ad esempio la quasi totalità delle persone li vuole bianchi anzi bianchissimi poiché associano a questo colore freschezza e quindi particolari proprietà culinarie e organolettiche. In realtà è proprio l'opposto!

E chi non li tratterà?
Ovviamente rischia la minor vendita.. perchè il consumatore assuefatto lo giudicherà in modo erroneo pesce poco buono..(in quanto appariranno del colore naturale: bianco-crema) e quindi avranno difficoltà ad essere commercializzati e sia perché il consumatore consapevole che vuole acquistare solo cefalopodi non trattati con l'acqua ossigenata non potrà essere orientato dalle etichette alimentari in quanto queste non riporteranno la dicitura indicante il trattamento con il potente ossidante.


Come difendersi?


Ormai sarà impossibile distinguere pesce trattato e non trattato.. visto il non obbligo di indicarlo. Questo però ricordo è solo l'ennesimo inganno,, perchè come leggerete nell'articolo sopraindicato, i pesci da sempre vengono trattati al momento della pesca, direttamente nei pescherecci!!!


Una situazione che assomiglia, ripeto, ad una frode alimentare...perchè sappiamo benissimo che oggigiorno è quasi impossibile sbrogliarsi da questa matassa, e trovare alimenti sani.. ameno che non si producano personalmente ma ciò che irrita maggiormente è l'inganno e truffa.. ad esempio in questo caso: Andiamo in pescheria convinti di acquistare pesce fresco, sappiamo riconoscerlo da un punto di vista organolettico... occhio,branchie,lucidità..ma mi chiedo :e se invece è stato riattivato con additivi non legali o tossici con iniezioni o bagni? Insomma pompato??e poi.. lo dicessero in modo che possiamo fare una scelta..ma oramai le scelte non ci sono quasi più concesse...


Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento è gradito...per confrontarsi,crescere insieme.Niente spam grazie.