Cerca nel blog

2016/01/11

LINEA D'ARCO IL TERMOMETRO DELLA NOSTRA INTEGRITÀ, COME RICOSTRUIRLA E RINFORZARLA



La linea d’arco si estende da lobo a lobo dell’orecchio, passando sopra la testa.
E’ letteralmente la tua aureola, il nucleo della tua aura.

Dei 10 corpi che ci compongono  il sesto corpo è la Linea d'Arco.
La donna possiede una seconda linea d’arco che si estende tra i due capezzoli
La linea d’arco è la tua protezione, la tua radianza.
Dona l’abilità di essere focalizzati, concentrati, meditatori.

Se immaginiamo l'aura come il veicolo di luce grazie al quale possiamo guidare la linea d'arco è il nostro volante. Non solo da una guida interna ma proietta informazioni esterne. ovvero se noi creiamo la nostra realtà con una vibrazione la linea d'arco è il trasmettitore che invia il segnale.
A seconda di quanto sarà forte o debole l'arco, tanto sarà debole o forte il segnale.
Tutte le informazioni intuitive che si ricevono (protezione) e quelle che si inviano (proiezione) sono influenzate dalla linea d'arco.
La Linea d’Arco non mente e determina la modalità con cui si esprime ciò che si è e ciò che si desidera. Se è equilibrata, garantisce il coraggio di essere se stessi e di affermare quello che si vuole nella vita.


Le funzioni della Linea d’Arco sono la protezione e la proiezione.

Se è debole o danneggiata, non si riesce a mantenere la propria integrità, diventando facili prede di influenze esterne negative, di malattie, di incidenti o addirittura di tendenze al suicidio. Sentirsi privi di tutela personale costringe a vivere nella paura e a non praticare la coerenza fra quello che si dice e le azioni che si compiono.

La linea d’arco, associata con la ghiandola pituitaria, regola il sistema nervoso e l’equilibrio endocrino e protegge il centro del cuore.

Puoi utilizzare l’intuizione del sesto chakra per proteggere te stesso, così potrai relazionarti con lo stress della vita senza chiudere la porta al centro del cuore.
Il potere della proiezione del sesto corpo ti aiuta a manifestare qualunque cosa tu voglia nella vita.
La linea d’arco ha il suo mantra personale : “io sono, io sono” è la linea d’arco.
Questo rappresenta il punto di equilibrio tra i regni psichici ed i regni cosmici che il dharma dei Sikh [ Sikh dharma]  chiama MIRI – PIRI.
Se la tua linea d’arco è debole, potresti diventare molto protettivo e facilmente influenzabile.
Potresti sviluppare degli squilibri ghiandolari, che possono portare ad inconsistenze caratteriali nei comportamenti e negli umori.


La doppia linea d'arco nella donna

E’ la Linea d’Arco di una donna a ricevere le radiazioni dell’interesse di un uomo e a rispondere al richiamo con un’energia potenziata che attira il maschio, diventando così lo strumento primario a consentire la relazione fra i due sessi.

La donna è molto sensibile all'energia penetrazione di un uomo e quando una donna si impegna in un rapporto sessuale, e talvolta anche solo flirtare, la linea ad arco viene impresso con l'energia maschile, creando un buco nella linea ad arco. Più fori lei ha, più debole è la linea ad arco diventa.

Gli uomini devono lavorare molto sul potere della Linea d’Arco per compensare le differenze determinate dall’appartenenza al sesso maschile.





MEDITAZIONE PER RICOSTRUIRE O RINFORZARE LA LINEA D'ARCO

Ci sono varie meditazioni per rinforzare la linea d'Arco qui condivido la tecnica conosciuta come la "meditazione con il respiro in otto cicli" insegnata per rinforzare e ricostruire la linea.


Sedersi con la spina dorsale dritta


Stendere in fuori i gomiti ai lati del corpo e mettere le mani a pochi centimetri da torace, di fronte alla zona del centro del cuore.

I due palmi sono tra loro a circa 1' cm di distanza, paralleli al terreno.
La mano sinistra è con il palmo rivolto in basso e la mano desta sotto la mano sinistra con il palmo rivolto in alto.

Gli occhi sono aperti e focalizzati verso la punta del naso.

Inspirare solo dal naso in 8 cicli uguali ed espirare solo dal naso in 8 cicli uguali.
Ciò significa che il respiro è diviso in 16 parti.

Non c'è pausa una volta che l'inspirazione o l'espirazione è completata.
Semplicemente constinuate a respirare in 8 cicli in inspirazione e in 8 cicli in espirazione.

Durante la respirazione non contate i cicli ma mentalmente vibrate per due volte SA TA NA MA sia in inspirazione sia in espirazione:

Questa meditazione va praticata per 11 minuti non di più non di meno.
Al termine, inspirare profondamente e trattenere il respiro per 35 secondi, matenendo la posizione delle mani e poi espirare e rilassarsi.


Ricordo i benefici della meditazione in base ai giorni:


Periodi di meditazione
40 giorni: per cambiare un’abitudine
90 giorni: per confermare un’abitudine
120 giorni: l’abitudine diventa te stesso
1.000 giorni: hai la maestria della nuova abitudine




Fonte
Insegnata da Yogi Bhajan- 1981

Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento è gradito...per confrontarsi,crescere insieme.Niente spam grazie.