Cerca nel blog

2015/11/28

UNGHIE: Come interpretare il linguaggio delle unghie. Patologie collegate.




Un’unghia sana è resistente, di colore rosato ed è caratterizzata da una superficie uniforme e levigata – spiega il professor Monti – Il fatto che le unghie cambino colore e assumano forme strane può significare che ci sia qualcosa che non va nell'organismo. Spesso le cause del cambiamento di aspetto di queste sottili lamine che ricoprono le piccole falangi delle dita risiedono in abitudini sbagliate: ad esempio una manicure troppo aggressiva, l’utilizzo di smalti di qualità scadente, il mancato utilizzo di guanti quando si lavano i piatti o si fa il bucato a mano. A volte, invece, all'origine del cattivo stato di salute delle unghie ci sono traumi o malattie della pelle, come la psoriasi o una micosi, o disturbi interni, ad esempio a carico dell’apparato cardiocircolatorio”.

“In linea di massima – sostiene il professor Monti – se solo un’unghia o due presentano un’anomalia, è probabile che il problema sia esterno, mentre se sono tutte le unghie a cambiare colore o forma, è ragionevole sospettare la presenza di una malattia interna”.
Le alterazioni delle unghie possono riguardare la consistenza, la forma e il colore: esaminiamo le principali e vediamo che cosa possono significare.


A prescindere dai segni, che andremo ad esaminare, dobbiamo avere presente che

  • l'unghia del pollice indica lo stato generale dello psichismo dell'individuo; 
  • l'unghia dell'indice dà indicazione sul torace e sul fegato;
  • l'unghia del medio dà indicazioni sull'apparato digestivo, sull'apparato scheletrico e sull'apparato uditivo, 
  • l’unghia dell'anulare è indicativa per l'apparato cardiocircolatorio renale e per gli occhi; 
  • l'unghia del mignolo dà indicazioni sul sistema nervoso e sugli organi genitali.

ANATOMIA

L'unghia è un complesso apparato formato da 4 tessuti epiteliali e da un prodotto corneo finale, la lamina ungueale. La lamina ungueale è una struttura dura e trasparente costituita da cellule cheratinizzate, prive di nucleo, strettamente aderenti. L'unghia appare di colorito roseo in quanto la lamina, trasparente, permette di visualizzare il letto riccamente vascolarizzato. La lamina ungueale è prodotta dalla matrice ungueale che rappresenta la parte germinativa dell'unghia ed è situata al di sotto della piega ungueale prossimale. In alcune dita delle mani, la porzione distale della matrice è visibile attraverso la lamina come un'area semilunare di colorito bianco, la lunula.

La durezza e la resistenza della lamina ungueale sono correlate al suo contenuto in cheratine dure e amminoacidi solforati, particolarmente in cistina

Amminoacidi più rappresentati nell'unghia 
cistina acido glutammico arginina

Costituzione dell'unghia 
acqua 18% cistina 10% lipidi 5% colesterolo acidi grassi saturi acidi grassi insaturi (acido oleico)

Una carenza di cistina può determinare una fragilità dell'unghia. L'unghia contiene tracce di molti oligoelementi, fra questi i più rappresentati sono lo zinco e il ferro. Una carenza di ferro può determinare un assottigliamento e una fragilità della lamina. Non esistono invece relazioni fra proprietà meccaniche della lamina ed il suo contenuto in calcio; sembra che le tracce di calcio che si rilevano nell'unghia originino da contaminazioni ambientali.

Quando il contenuto lipidico della lamina diminuisce, l'idratazione dell'unghia è più difficile e questa tende a divenire fragile

Alterazioni dell'unghia sono comunemente presenti nei soggetti con carenze dietetiche di alcuni minerali o di vitamine. Questo fa ritenere che un apporto corretto di vitamine e minerali sia essenziale per una normale crescita e funzionalità dell'unghia

Alterazioni ungueali conseguenti ad alterata funzione della matrice
Le alterazioni delle unghie possono essere in molti casi un importante ausilio diagnostico sia nel riconoscimento di affezioni dermatologiche che nell'individuazione di malattie sistemiche. Anche se tutte le lesioni ungueali possono, a prima vista, sembrare uguali, un attento esame delle unghie permette spesso di correlare il sintomo ungueale all'evento morboso che lo ha provocato.

Nell'esame obiettivo è importante comunque una valutazione di tute e venti le unghia..perchè l'anomalia di una sola rispetto a quelle di tutte le mani può portare a diagnosi diverse..

Linee di Beau
Si presentano come solchi trasversali, spesso più accentuati al centro della lamina, che progrediscono con la crescita dell'unghia. Sono espressione di un'interruzione temporanea dell'attività mitotica della matrice prossimale.(talvolta anche un ciclo mestruale interrotto, saltato o particolarmente doloroso posso causare queste interruzioni, quindi avvallamenti.)
Linee di Beau multiple a livello della stessa unghia indicano un danno ripetuto, possono essere provocate da microtraumatismi, affezioni dermatologiche della matrice, malattie sistemiche. Se tutte le unghie presentano contemporaneamente linee di Beau localizzate alla stessa altezza la causa è sempre una malattia sistemica.

Linee di Beau: cause più comuni 

Traumatiche = manicure onicotillomania
Dermatologiche = dermatite da contatto eritrodermia perionissi
Affezioni sistemiche = chemioterapia antiblastica dismenorrea iperpiressia ischemia periferica

Striature e fissurazioni longitudinali (onicoressi) 












Sono espressione di un danno della matrice prossimale.
Sottili rilievi longitudinali sono frequenti anche nelle unghie normali, soprattutto degli anziani
Se le unghie diventano sottili e ruvide (cioè come la carta vetrata), la malattia può essere denominata trachionichia.
Quando tutte le unghie sono colpite, la malattia è chiamata distrofia delle 20 unghie.

Striature longitudinali: cause più comuni
Alopecia areata,
Artrite reumatoide
Dermatite atopica 
Fragilità ungueale Insufficienza vascolare
Invecchiamento
Lichen planus
Psoriasi,
Traumi
Tumori che interessano o comprimono la matrice*
Vitiligine.
*Alterazioni limitate ad una porzione della lamina.

La carenza di ferro può causare le righe verticali sulle unghie, inoltre provoca l’unghia a cucchiaio.

Leuconichia vera

E' conseguenza di affezioni che determinano un'alterata cheratinizzazione della matrice distale. La lamina ungueale presenta chiazze di colorito bianco opaco che corrispondono a focolai di cellule paracheratosiche situate a livello della sua porzione ventrale (Tav. 3).

Clinicamente, la leuconichia vera può presentarsi in tre varietà morfologiche:

1) leuconichia puntata, caratteristica dell'infanzia, si manifesta con piccole chiazze che talvolta scompaiono prima di raggiungere il margine distale dell'unghia. E' conseguenza di microtraumi ripetuti (Fig. 4).
2) leuconichia striata, più frequente nel sesso femminile, si presenta con bande trasversali multiple a decorso parallelo (Fig. 5). E' quasi sempre conseguenza di un manicure troppo aggressivo.
3) leuconichia totale, rara, interessa più o meno omogeneamente tutta la lamina ungueale. Talvolta ereditaria, può essere presente alla nascita o comparire più tardivamente



Il vecchio detto recitava : lunette bianche uguale ad anemia o mancanza di Calcio. Secondo molti autori non è affatto vero che le unghie fragili o con macchie bianche indicano una carenza di calcio. La presenza di macchie bianche invece può indicare: traumi (cosmetici dannosi per l'unghia,piccoli schiacciamenti, rosicchiare l'unghia..) infezioni da colonizzazioni micotiche, ipoalbuminemia ( secondo la macrobiotica può indicare iperglicemia o uso eccessivo di dolci) cirrosi.
Erica Campanini (fitoterapeuta), ad esempio, interpreta la presenza di macchie bianche come indice di carenza di Zn o squilibrato rapporto Zn/Cu.

Se le macchioline bianche interessano tutte o la maggioranza delle unghie possono segnalare la presenza di malattie della pelle, quali la psoriasi e la dermatite atopica.

Coilonichia (unghie a cucchiaino) 

La lamina è assottigliata e presenta un aspetto concavo (Fig. 6). E' fisiologica nel bambino. Nell'adulto può essere conseguenza di affezioni dermatologiche che provocano un assottigliamento della lamina, riconoscere un origine professionale (traumi ripetuti, contatto con oli minerali), o, più raramente, essere conseguenza di un'anemia sideropenica,anemia da carenza di ferro; forte carenza di vitamina C e di cistina (un aminoacido); malattie delle ghiandole endocrine o della tiroide; sindrome del tunnel carpale; tic nervoso, se interessa un solo dito.
Le unghie concave  sono indice di disturbi nervosi. Se questa concavità è molto pronunciata è evidenziata dalla parte terminale della falangetta è frutto di un'eredità atavica di alcolismo, eredità foriera di disturbi nervosi, psichici di una certa importanza.

Onicomadesi 

E' conseguenza di una interruzione temporanea dell'attività mitotica di tutta la matrice ungueale. La lamina appare distaccata dalla piega ungueale prossimale da un solco a tutto spessore di ampiezza proporzionale alla durata dell'evento morboso che ha colpito la matrice (Fig. 7). L'onicomadesi riconosce le stesse cause delle linee di Beau; l'intensità del danno che ha colpito la matrice è però in questo caso più grave.

Unghie con profilo convesso
Rivelano in generale  fragilità delle vie respiratorie, affezione dei bronchi, disturbi della gola (bronchiti e laringiti).


Ippocratismo digitale (clubbing)
E' caratterizzato da un' ispessimento dei tessuti molli delle falangi distali per cui le dita assumono una forma a bacchetta di tamburo . Le unghie appaiono bombate con un aspetto a vetrino di orologio e l'angolo fra piega ungueale prossimale e lamina diviene > 180° (Fig. 22-23). 




La diagnosi di ippocratismo digitale è confermata dalla positività del segno della finestra (Tav 4 ). L'ippocratismo digitale può essere espressione di affezioni cardiovascolari, broncopolmonari o gastrointestinali. E’ un’alterazione legata a malattie dell’apparato respiratorio, del fegato e dell’intestino, presente anche nei forti fumatori e in coloro che fanno abuso di alcol.

Le principali patologie riconducibili sono:

cardiovascolari 
aneurisma aortico*
cardiopatie congenite**

broncopolmonari***
neoplasie toraciche
broncopneumopatie croniche:
ascessi polmonari aspergillosi blastomicosi bronchiectasie enfisema tubercolosi

gastrointestinali
abuso di lassativi
cirrosi epatica
colite ulcerosa
dissenteria bacillare
malattia celiaca
morbo di Crohn
neoplasie
parassitosi
poliposi
tubercolosi

* unilaterale
** associato a cianosi
*** associato ad osteoartropatia ipertrofica


Unghie fragili

Se le unghie si spezzano facilmente e appaiono sottili, molli e opache si è probabilmente in presenza di una carenza di vitamine (A, B6, E) o sali minerali (ferro, zinco, selenio, rame); le unghie, infatti, sono costituite da minerali, vitamine, aminoacidi, grassi e acqua e, se qualcuno di questi elementi è carente, la loro consistenza peggiora. Spesso all'origine della fragilità delle unghie vi sono errate abitudini alimentari o diete drastiche, che provocano un deperimento generale dell’organismo. Anche malattie debilitanti o trattamenti farmacologici prolungati possono causare fragilità delle unghie Infine, le unghie diventano fragili anche in seguito a una manicure eccessivamente frequente e aggressiva e al contatto prolungato con acqua, detersivi, saponi, solventi e sostanze chimiche, che le disidratano, rendendole secche e facili a spezzarsi.
Fragilità dell'unghia è legata anche ad un cattivo funzionamento della tiroide (metabolismo più lento)

Spesso sono sono indice di problemi di scarso funzionamento delle ghiandole endocrine; questo disturbo deriva dal sistema circolatorio e riproduttivo disturbati, in particolare si tratta di scarsa funzionalità dei testicoli e delle ovaie.

Le unghie che si sfaldano: questa situazione è spesso causata da cattive digestioni, stanchezza, irregolarità mestruale, debolezza sessuale.


idiopatica invecchiamento ripetuto contatto con acqua e detergenti
traumatica professionale manicure onicotillomania
affezioni dermatologiche lichen planus alopecia areata onicomicosi malattia di Darier psoriasi tumori
affezioni sistemiche terapia con retinoidi ridotta perfusione digitale neuropatie periferiche
stati carenziali malnutrizione anoressia nervosa carenze di oligoelementi carenze vitaminiche


 Unghie picchiettate - Pitting (depressioni cupoliformi)












Ovvero la superficie presenta depressioni puntiformi che possono essere disposte irregolarmente come si osserva nella psoriasi, oppure fanno linee regolari che fanno assomigliare l’unghia ad ottone picchiettato, come talvolta si verifica nell’alopecia aerata (Fig. 18), che è una malattia auto immune poco nota, che dà luogo a perdita parziale o totale dei capelli.

Unghie che si distaccano ONICOLISI

Il termine onicolisi definisce il distacco della lamina ungueale dal letto.
Le onicolisi possono essere  classificate in 2 gruppi:

1) onicolisi primitive: conseguono alla disgregazione della cheratina che tiene normalmente unite la lamina al letto. 
2)onicolisi secondarie: conseguono a malattie che interessano il letto ungueale e secondariamente provocano un'alterazione dei normali rapporti fra letto e lamina

Talvolta accade che vi sia una colonizzazione da microorganismi, soprattutto batteri (Pseudomonas aeruginosa) e lieviti che possono talvolta produrre sostanze cromogene che conferiscono alla lamina un colorito bruno verdastro .

E' anche frequente il deposito di materiali esterni con cui il paziente viene a contatto.

Le onicolisi primitive interessano più comunemente le unghie delle mani e sono molto più frequenti nel sesso femminile. Le onicolisi secondarie colpiscono indifferentemente le mani o i piedi ed entrambi i sessi, in tutte le età della vita

Questo distacco può essere causato da manicure troppo aggressivo (FIg.51), l'uso di prodotti chimici altamente corrosivi, o una malattia come la psoriasi, lupus eritematoso, eczema o cancro, sindrome di Reynaud, una patologia che blocca temporaneamente l’afflusso di sangue alle dita delle mani. Le persone sotto trattamento immunosoppressivo possono anche soffrire di questa malattia.


Atrofia e Ipertrofia

L’atrofia si concretizza in una dimensione ridottissima o una sottigliezza anormale, in modo tale che l'unghia finisce per staccarsi progressivamente dalla pelle. È indice di una debolezza particolare accusata dalla persona. Questa situazione è prodotta da una ipersensibilità nervosa eccessiva, accompagnata da malesseri profondi della nutrizione generale che coinvolge il tessuto cellulare e l'ossatura.


L'ipertrofia è una crescita irregolare e anormale dell'unghia che in termine medico si chiama onicogrifosi, si tratta di un'ipertrofia irregolare dell'unghia: può essere a clava, scanalata trasversalmente, o ispessita a forma di bietta ricurva leggermente all'indietro o di un artiglio curvo in avanti, reso fragile; si configura con una perdita di sensibilità, di resistenza organica e di un nervosismo esagerato. Queste alterazioni si associano spesso a microtraumi ripetuti, ridotta circolazione e ad infezioni fungine, infatti si trova più diffusa nelle persone anziane, ma si incontra, sia pure raramente, nelle persone più giovani, quando si verifica un invecchiamento fisiologico precoce per qualche crisi di salute che viene resa evidente da segni chiari sul palmo della mano, che rende più chiaro il tipo di predisposizione che nella maggior parte dei casi si tratta di terreno artrosico.


Pachionichia

Ispessimento di una o più unghie delle dita delle mani o dei piedi.

La pachionichia può essere conseguente a una patologia ereditaria (sindrome di Jadassohn-Lewandowsky), a un’onicomicosi (infezione fungina dell’unghia), oppure essere legata a psoriasi o eczemi.
Le unghie colpite appaiono deformi, anormalmente spesse, grigiastre o verdastre; in alcuni casi, la pachionichia è associata a un ispessimento dello strato corneale dell’epidermide sottostante l’unghia.
Il trattamento è quello della malattia responsabile.


Unghie a grotta

L’estremità dell’unghia risulta fortemente ispessita, poiché l’unghia tende a crescere verso l’alto e sotto si forma una cavità (grotta) che si riempie di materiale corneo. Se questa alterazione si verifica nelle unghie dei piedi, la causa può essere semplicemente l’uso di scarpe troppo strette, che sottopongono le unghie a traumi continui. Può essere legata anche a un’anomalia della tiroide o alla psoriasi (le squame della pelle possono sollevare la lamina ungueale).



Vediamo rapidamente altre caratteristiche delle unghie a cosa si possono associare:


Forme e profili



L'unghia troppo lunga (Fig. 1) rivela una predisposizione all'atonia organica, tubercolosi e un certo disequilibrio funzionale frutto della depressione.


L'unghia a tendenza corta (Fig. 2) è indice di una vitalità maggiore dell'unghia lunga, se è anche larga e armonica manifesta una buona forza vitale "Se sono troppo corte”, scrive Mangin, “manifestano una tendenza molto viva per la discussione, la controversia e lo spirito di contraddizione più o meno cosciente. Questi individui sono animati da una fiducia eccessiva in loro stessi, combattono volentieri le idee degli altri, sono dispettosi e rivelano un'ironia piuttosto caustica nelle espressione delle loro idee.

Se è normale e semicorta dimostra una solidità muscolare notevole.

Unghie corte piatte e quasi quadrate (Fig. 3) indicano una tendenza abbastanza alla debolezza cardiaca e una predisposizione a malattie nervose con possibili spasmi e contratture muscolari. Per le donne possono verificarsi disturbi agli organi genitali interni, specialmente alle ovaie.

Le unghie molto corte e larghe (Fig. 4), cioè rettangolari, denotano un'ipoattività fisiologica a psichica, un temperamento malinconico, un carattere atono. È stata inoltre osservata una relazione tra lunghezza esagerata dell'unghia e fragilità dei bronchi.

Quando questo tipo di unghia si presenta con una falangetta spatolata (Fig. 5), corta e piatta con un rigonfiamento anormale, che dà al dito un'apparenza assai sgraziata, sopratutto quando si tratta di pollice, è segno di un'indole piuttosto violenta.




Le unghie triangolari (Fig. 8) sono disposizioni iperestesiche (ipoparatiroidismo): se l'unghia è incavata, pallida e concava potrebbe accompagnare problemi cerebrospinali. Sul piano del carattere questo tipo di unghia rivela grande nervosismo e uno spirito pignolo che ha sviluppato molto senso critico.


La unghie trapezoidali (Fig. 9) rivelano disturbi fisici con episodi di mitomania.

Unghie strette e lunghe (Fig. 10) indicano una salute fragile e un'ossatura debole; il soggetto trova il suo equilibrio nell'energia nervosa.

Unghie a nocciolo d'oliva (Fig. 11 e Fig. 12) indicano una scarsa resistenza del sistema arterioso, un tono cardiaco debole e un equilibrio nervoso fragile oltre la tendenza a diabete di origine secondaria.



Le unghie a forma di ventaglio cinese (Fig. 13), sono simili all'unghia triangolare, ma con forme più arrotondate. Se le unghie sono piatte accompagnano affezioni che sono originate dalla milza; quando sono bombate denotano il cattivo funzionamento del fegato e dell'intestino.



Ora prendiamo in esame le unghie viste in sezione:






Le unghie arcuate, ad arco o tubolari (Fig. 14) indicano debolezza del sistema renale.

Le unghie poligonali (Fig. 14) indicano la predisposizione all'arteriosclerosi.

Le unghie ondulate (Fig. 14) rivelano problemi al sistema cerebrospinale e più in generale disturbi nervosi.





Talvolta abbiamo una nervatura profonda che attraversa verticalmente l'unghia; questo fenomeno si origina da una lesione della radice.

Il colore delle unghie

Le unghie normali devono essere rosa e indicano la buona qualità del nostro sangue.

Se sono rosa carico, che sconfina con il rosso sono indice di ipertensione; Mangin inoltre dice che si tratta di “unghie di persona irascibile e appassionata”.

Unghie bianco avorio

Le unghie bianco avorio se sono pallidissime Mangin afferma che si tratta di diatesi linfatica, diversamente indicano anemia, inizio della menopausa, accumulo di grassi e di muco nel cuore, fegato, pancreas, prostata e ovaie. I malati di leucemia o di cancro hanno spesso le unghie di questo colore.


Unghie bianche e rosa


Se le unghie appaiono bianche con nella parte finale una striscia rosa di 1-2 mm la prima cosa sospettata è la cirrosi (“unghie bianche di Terry”, dal nome del ricercatore che intuì il legame tra il colore delle unghie e questa malattia del fegato) Cirrosi epatica (fibrosi del fegato) 



Circa l’80% delle persone con la cirrosi ha le unghie di Terry, sono comunque associabili anche Insufficienza epatica, renale o cardiaca, diabete, anemia sideropenica, che consiste in un numero ridotto di globuli rossi dovuto alla mancanza di ferro nel corpo
Chemioterapia
Ipertiroidismo (la ghiandola tiroide nel collo produce troppi ormoni)
Malnutrizione.


Linee di Muehrcke 


Leuconichia apparente in bande trasversali multiple (Fig 28). Sono un frequente effetto collaterale della chemioterapia antiblastica e un segno caratteristico dell'ipoalbuminemia (sindrome nefrosica).



Half and half nails

Anche in questo caso Leuconichia apparente che interessa la metà prossimale dell'unghia che presenta un colorito rosso scuro nella sua metà distale. Frequentemente associate all'iperazotemia sono un segno ungueale caratteristico dell'insufficienza renale cronica (Fig. 28)

Unghie violacee

Il colore blu-violaceo, se riguarda tutte le unghie, è la spia di problemi cardiocircolatori: una cattiva circolazione del sangue provoca una difettosa ossigenazione dei tessuti che diventano blu o cianotici
questo sintomo presagisce l'indurimento delle arterie

Le unghie rosso-violacee indicano che le funzioni digerenti e circolatorie sono anormali, il soggetto soffre di insonnia o di diarrea o di astenia.

Unghie gialle

Il colore giallognolo è spesso la conseguenza dell’utilizzo di smalti di cattiva qualità o dell’applicazioni di smalti dal colore molto intenso direttamente sulle unghie, senza la protezione di una base incolore adeguata. 


Le unghie possono diventare gialle anche in presenza di una malattia a carico dell’apparato respiratorio, ad esempio pleuriti, bronchiti e sinusiti croniche, e in questo caso l’ingiallimento riguarda sia le unghie delle mani che quelle dei 
piedi.
La crescita delle unghie è arrestata o notevolmente rallentata.

Le lamine ungueali, di colorito variabile dal giallo pallido al giallo verdastro, presentano un aumento della curvatura. La cuticola è assente ed è presente frequentemente onicolisi (Fig. 24). 



Unghie che presentano macchioline scure

Le piccole macchie scure sono di solito causate da emorragie al di sotto della lamina, causate da un trauma, e scompaiono in breve tempo; se non scompaiono, possono rappresentare un neo benigno che cresce, ma anche un melanoma. Occorre quindi richiedere la visita dermatologica.


Un discorso a parte meriterebbe il problema dell'onicofagia, cioè dell'impulso quasi inconscio di rosicchiare le unghie. 

Questo irrefrenabile impulso ha senza dubbio cause nervose, Henri Mangine afferma che questo nervosismo spesso può derivare da cattivo funzionamento del fegato o dei reni e può dipendere da disturbi ovarici, inoltre ammonisce di tener d'occhio la funzionalità digestiva. Talvolta può essere anche sintomo di avitaminosi demineralizzazione o anche infine la conseguenza di vermi



Questo PDF da cui sono state prese parziali informazioni del post trovo sia abbastanza esaustivo, sulle patologie dell'unghia, troverete anche situazioni di micosi, le varie malattie infettive come Perionissi acuta, Herpes simplex, Verruche, Onicomicosi, Fragilità dell'unghia.. etc.







I DANNI DELLA COSMESI 

L’uso sistematico dello smalto può causare dermatiti da contatto, pigmentazioni della lamina ungueale, friabilità e altri danni. I vari solventi usati poi per cancellarlo agiscono sull’unghia in modo nefasto. Le unghie artificiali sono cento volte più dannose dello smalto perchè vengono incollare sulle unghie vere. I vari smalti rinforzanti e indurenti: spesso vantano il fatto di essere a base di cheratina. Il problema di fondo è che la cheratina somministrata dall’esterno crea gli inconvenienti sopraccennati. I solventi con cui la cheratina viene sciolta fanno sì che sull’unghia si applichi una soluzione e che gli effetti deleteri tipici dei solventi si manifestino a breve-medio termine. L’indurente contiene formaldeide, nylon, allume, nitrocellulosa ecc. ecc., con un’ampia casistica di effetti collaterali; ad esempio la formaldeide può causare dermatiti da contatto, dermatiti sulle labbra, onicolisi, desquamazione periungueale, irritazione, emorragie filiformi. Sconsiglio assolutamente le lime d’acciaio o di cartone molto abrasive, che peggiorano le condizioni dell’unghia fragile e della superficie compromessa e in certi casi sono esse stesse fonte di problemi per la lamina.
La pratica della manicure può causare danni, soprattutto se il manicure elimina le pellicine intorno all’unghia, il perionichio, importantissimo perchè protegge e contiene l’unghia.
Le infezioni di questa parte sono chiamate perionissi e comportano l’arrossamento il rigonfiamentodella zona con pus ed eventuale eritema (giradito o patereccio).








Fonti

Immagini tratte dal PDF Unghie- guida pratica  
di Antonella Tosti Bianca Maria Piraccini Anna Maria Peluso
http://olistica4.rssing.com/chan-6181222/all_p1.html
http://www.humanitasalute.it/bellezza-e-cura-del-corpo/19061-le-unghie-specchio-della-salute/

2 commenti:

  1. Ciao
    Ho trovato questo interessantissimo articolo girando in rete in quanto da qualche giorno ho notato un'anomalia nell'unghia del sito medio della mano destra (sono un ragazzotto di quasi cinquant'anni);e vorrei capire se esiste la possibilità di farvi avere un'immagine fotografica per fare un pò il punto della situazione (oggi con la tecnologia non dovrebbe essere più tanto... Proibitivo) e valutare quindi le precauzioni da prendere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno,
      l'analisi dell'unghia è sempre opportuno che venga valutata da un dermatologo direttamente con lenti adatte ed eventuali prelievi da analizzare.
      Le informazioni qui fornite sono a carattere conoscitivo ma la diagnosi deve essere sempre fatta da uno specialista.
      L'auto osservazione è il primo punto dello stare bene mentre l'autodiagnosi non è sempre la via giusta, si può incorrere di "sentenze" non vere..
      Inoltre, ribadisco, serve una visita diretta..
      Spero di esserle stata utile.
      Grazie per tutto.


      Elimina

Ogni commento è gradito...per confrontarsi,crescere insieme.Niente spam grazie.