Cerca nel blog

2015/09/11

CALENDARIO VACCINAZIONI DALLA NASCITA AI 10 ANNI,VACCINI FACOLTATIVI ED OBBLIGATORI


Questo il calendario vaccinazioni a cui i nostri figli devono stare al passo...

  • OSSERVIAMO EVIDENZIATI LE UNICHE VACCINAZIONI OBBLIGATORIE
  • CONTIAMO QUANTI VACCINI IN TOTALE SONO INVECE PREVISTI
  • OSSERVIAMO CHE IN PARTICOLARE LA TRIVALENTE VIENE SPACCIATA CON TACITO ASSENSO COME OBBLIGATORIA,INVECE È FACOLTATIVA
  • 26 VACCINI ENTRO I PRIMI 15 MESI OVVERO ENTRO UN ANNO E 3 MESI DI VITA!!!

Sapete cosa contiene ogni vaccino? quanti metalli pesanti e sostanze tossiche gli entrano in corpo..? ad un neonato che ancora ha da formarsi il suo immunitario?





















 Note 
  1. Dopo il compimento dei 7 anni è necessario utilizzare la formulazione con vaccino antidifto-tetanico-pertossico acellulare di tipo adolescenziale-adulto (dTpa).
  2. Gli adulti con anamnesi incerta per il ciclo primario di vaccinazione con dT devono iniziare o completare la vaccinazione primaria. Un ciclo primario per adulti è composto da 2 dosi di vaccino contenente tetano e difterite (dT) e una terza dose con vaccino dTpa. Le prime 2 dosi devono essere somministrate a distanza di almeno 4 settimane l’una dall’altra e la terza dose 6-12 mesi dopo la seconda. I successivi richiami devono essere effettuati ogni 10 anni (a partire dal completamento della serie primaria) e almeno una delle dosi booster di vaccino dT dovrebbe essere rimpiazzata da 1 dose di vaccino dTpa.
  3. Per i bambini nati da madri positive per HBsAg: somministrare entro le prime 12-24 ore di vita, contemporaneamente alle immunoglobuline specifiche antiepatite B, la prima dose di vaccino anti-HBV; il ciclo andrà completato con una seconda dose a distanza di 4 settimane dalla prima, con una terza dose dopo il compimento della ottava settimana e con la quarta dose in un periodo compreso tra l'undicesimo e il dodicesimo mese di vita, anche in concomitanza con le altre vaccinazioni.
  4. In riferimento ai focolai epidemici in corso, si ritiene opportuno, oltre al recupero dei soggetti suscettibili in questa fascia d’età (catch up) anche una ricerca attiva ed immunizzazione dei soggetti conviventi/contatto, non vaccinati (mop up).
  5. Dose singola. La somministrazione a 11-18 anni va considerata nei soggetti non vaccinati nell’infanzia.
  6. Per entrambi i vaccini il numero di dosi dipende dall’età del soggetto. Per il sesso femminile, nel corso del 12° anno di vita, si segue lo schema a 2 dosi: vaccino bivalente (contro i genotipi 16 e 18 di HPV) e vaccino quadrivalente (contro i genotipi 6, 11, 16 e 18 di HPV): 0 e 6 mesi. Il vaccino quadrivalente può essere somministrato anche secondo una schedula a 3 dosi (0, 2, 6 mesi: la seconda dose ad almeno 1 mese dalla prima dose e la terza dose almeno 3 mesi dopo la seconda dose; le 3 dosi devono essere somministrate entro un periodo di 1 anno.
  7. Nei soggetti anamnesticamente negativi e non precedentemente vaccinati è prevista la somministrazione di due dosi a distanza di un mese l’una dall’altra.


Le vaccinazioni obbligatorie sono:
  1. antidifterica (Legge del 6 giugno 1939 n. 891 – Legge del 27 aprile 1981 n. 166); 
  2. antitetanica (Legge del 20 marzo 1968 n. 419); 
  3. antipoliomielitica (Legge del 4 febbraio 1966 n. 51); 
  4. antiepatitevirale B (Legge del 27 maggio 1991 n. 165)

Tutte le altre sono volontarie, anche se il Sistema sanitario nazionale ne incentiva l’uso.

Che cosa succede se un genitore non vaccina il proprio figlio?
Se un genitore si rifiuta di far vaccinare il figlio, verrà chiamato per un colloquio informativo presso la ASL di appartenenza. Un tempo i bambini non vaccinati non potevano frequentare le scuole e i genitori venivano segnalati ai Tribunali dei minori per una verifica dell’idoneità genitoriale. Oggi non è più così. Il rifiuto non compromette la scolarità del bambino, anche se il genitore verrà richiamato periodicamente dalle autorità sanitarie nella speranza che abbia cambiato idea.

Con il Decreto Legge 273 del 6 Maggio 1994, convertito con legge 490 del 20 Novembre 1995, é stato stabilito che: "l'esecuzione delle vaccinazioni obbligatorie su minori non può essere coercitivamente imposta con intervento della forza pubblica".


Sono rimaste in vigore - e solo in alcune Regioni - le sanzioni pecuniarie, per chi non intende dare seguito alle richieste della Amministrazione sanitaria.
E' possibile, inoltre, chiedere l'esonero dalle vaccinazioni, ai sensi del comma 4 dell'articolo 9 del citato Decreto, con certificato del pediatra di base o di medico specialista privato, non sindacabile da parte delle ASL.
Al compimento del diciottesimo anno di età, il ragazzo non vaccinato verrà invitato ad attuare di sua spontanea volontà le misure di prevenzione.
Si ricorda però che, in caso di epidemia o contagio favorito da comportamenti pericolosi per la collettività o per coloro con i quali si è venuti a contatto, il giudice può decidere di procedere penalmente contro chi non ha fatto tutto il possibile per evitarlo. Tale evenienza è più teorica che reale, anche se a questo principio di sono appellati alcuni processi per diffusione del contagio da HIV.

COME ESERCITARE IL DIRITTO ALLA OBIEZIONE VACCINALE 

Eccovi un vademecum per poter esercitare il diritto alla obiezione vaccinale in modo corretto, e senza conseguenze giuridiche di rilievo.

Prima di tutto, è necessario che il dissenso alle vaccinazioni sia scritto e motivato.

Quando arriva la comunicazione dell’incontro fissato per le vaccinazioni, rispondete al mittente (per raccomandata e ricevuta di ritorno) dichiarando, entrambi i genitori, la volontà di non voler vaccinare i propri figli, per le ragioni che seguono:


  1. mancata allegazione dei foglietti illustrativi [i cosiddetti bugiardini] dei vaccini, oltre che mancata precisa indicazione dei lotti vaccinali completi di tutti i dati identificativi dei farmaci che si intenderebbero utilizzare;
  2. come conseguenza di 1, mancata indicazione precisa dei rischi alla salute e delle comuni reazioni indesiderate legati ai vaccini, e mancata promozione della conoscenza della legge 210 del 1992 in materia di danno da vaccino, che deve essere obbligatoriamente portata a conoscenza delle famiglie prima della profilassi vaccinale;
  3. impossibilità oggettiva per la ASL di adempiere alla normativa nazionale sulle vaccinazioni obbligatorie, perché sprovvista delle dosi monovalenti degli unici vaccini obbligatori nel nostro Paese, ossia antipolio, antiepatite B antidifterica ed antitetanica;
  4. mancata effettuazione di test preventivi di tipo genetico, immunitario, allergologico e di ricerca di intolleranze alimentari su genitori e bambino, indispensabili per verificare una possibile idiosincrasia ai vaccini dell’organismo del soggetto ricevente [cliccate qui per maggiori informazioni a riguardo].
Ovviamente, non dovete presentarvi all’incontro indicato nella comunicazione della ASL, né firmare alcun modulo o prestampato, ma limitarvi a spedire la vostra lettera raccomandata.





scomparsa del Vaiolo – dichiarato dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) eradicato l'8 maggio 1980 – 

scomparsa della Poliomielite – dichiarata, dall’OMS, eliminata nella Regione Europea dal Giugno 2002.




Sono decenni che la norma di regolamentazione alle comunità scolastiche è stata annullata in primo luogo da una dichiarazione [23 settembre 1998] del Ministro della Pubblica Istruzione e del Ministro della Sanità, nella quale

si invitano i direttori didattici e i presidi ad ammettere alla frequenza gli alunni che rifiutino di esibire la certificazione relativa alle vaccinazioni obbligatorie, per consentire loro di adempiere all’obbligo scolastico, comunicando i relativi casi all’Unità Sanitaria Locale

Con questa disposizione viene privilegiato il diritto allo studio nei confronti del diritto alla salute.

Inoltre, tale disposizione è stata rafforzata dall’applicazione del DPR 355/1999 che ha consentito la frequenza scolastica ai bambini non vaccinati. E’ possibile richiamarsi a questa favorevole normativa in gran parte del territorio nazionale, e viene estesa anche al nido ed agli asili. Non potrebbe essere altrimenti, visto che in caso contrario una norma dello Stato sarebbe evidentemente incostituzionale [artt. 3 e 32 della Costituzione], attuando discriminazioni sulla base dell’età e sul luogo scolastico pubblico o privato.

In caso di problemi con il Medico competente o i funzionari scolastici è suggeribile non desistere e prefigurare agli interlocutori una evoluzione “legale” della questione.

Infine, ricordate che l’obiezione attiva è l’unica forma scritta di tutela onde evitare incresciose chiamate presso i Tribunali dei Minori ed inutili perdite di tempo e denaro.


Quale terrorismo psicologico subiscono i genitori che non vogliono vaccinare i loro figli?

Se scegli di non vaccinare tuo figlioInformati sui rischi e sulle responsabilità. (OPUSCOLO INFORMATIVO DELL'oms)



E’ attualmente in vigore il
Global Vaccine Action Plan 2011-2020


Il piano d'azione vaccino Globale (GVAP) è stato approvato dai 194 Stati membri dell'Assemblea Mondiale della Sanità ( è il più importante organo decisionale dell’OMS) nel maggio 2012 al raggiungimento del Decennio visone vaccini, fornendo l'accesso universale alle vaccinazioni.

La missione GVAP è di migliorare la salute, estendendo entro il 2020 e oltre tutti i vantaggi della vaccinazione a tutte le persone, indipendentemente da dove sono nati, chi sono o dove vivono.



Global Vaccine Action Plan 2011-2020
Il Global Vaccine Action Plan 2011-2020 - Piano d'azione globale vaccinazionidell’OMS, approvato dai 194 Stati membri dell’OMS nel maggio 2012, è una direttiva per prevenire milioni di morti entro il 2020 attraverso l'accesso più equo ai vaccini esistenti per le persone in tutte le comunità  in tutto il mondo. Tra gli obiettivi strategici c'è quello di aiutare individui e comunità a comprendere il valore dei vaccini e a considerare la vaccinazione come un diritto e una responsabilità.

SEGUE POST





http://www.salute.gov.it/portale/temi/p2_6.jsp?lingua=italiano&id=811&area=Malattie%20infettive&menu=vaccinazioni
http://www.salute.gov.it/imgs/C_17_opuscoliPoster_133_allegato.pdf
lingua=italiano&id=648&area=Malattie%20infettive&menu=vaccinazioni
http://www.salute.gov.it/portale/temi/p2_6.jsp?
http://www.nostrofiglio.it/neonato/vaccinazioni-ai-bambini/vaccinazioni-obbligatorie-e-volontarie-il-calendario
http://www.medicinenon.it/come-non-far-vaccinare-i-propri-figli-senza-ritorsioni
file:///home/elisabetta/Scaricati/Modello-di-obiezione-vaccinale.pdf
http://www.informasalus.it/it/articoli/terrorismo-psicologico-vaccinazioni.php

Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento è gradito...per confrontarsi,crescere insieme.Niente spam grazie.