Cerca nel blog

2015/01/28

BUCCE DI ARANCE E LIMONI:altamente tossici come la mela di Biancaneve




Insaporire torte,biscotti,liquori,per aromatizzare the..ed ancora bucce di limone o arancia nel pesce..


Molti lo sanno e non lo fanno,molti lo sanno ma pensano va bhè per una volta...dobbiamo invece cambiare abitudine..le bucce di molti frutti ,in questo specifico degli agrumi ,non sono commestibili.. a meno che non esplicitamente scritto non trattati!

Non solo i frutti vengono trattati chimicamente perchè nascano e crescano visibilmente belli.. ma per portarli sui banchi vengono inoltre truccati con tanto di lucidalabbra e cremine!!Additivi a rilascio lento messi nelle cartine che li avvolgono o impregnando le cassette di frutta..mille espedienti per farci arrivare il frutto che tutti nei nostri sogni pensiamo..alla bella mela rossa lucente di Biancaneve!!!.. in natura una mela così non esiste.. solo la strega cattiva lo produce e noi "bischeri" o "ingenui?" alla Biancaneve ci lasciamo incantare!!!




Spero che un giorno arrivi il bacio del principe che ci svegli.. nel frattempo guardiamo di svegliarci da soli!!!

Quanto è buffo questo nostro Stato Bipolare!!!


 Prima di passare allo specifico ricordo sempre il bipolarismo del nostro Stato... vieta alcuni additivi come il tiobendazolo...e poi permette sui banchi frutti provenienti da altri paesi ,come le arance Navel della Spagna ,che ne fanno altamente uso.Questo non riguarda solo gli additivi sulla frutta ma anche sul discorso OGM, dove conferma il divieto dell'uso.. e poi lo permette in modo indiretto sugli alimenti degli animali..quindi animali cresciuti ad OGM che latte e carne ci daranno ??
In questo breve articolo mi soffermo sugli additivi che possiamo trovare sugli agrumi,ovvero additivi post-raccolta,perchè ricordo che ormai ,per soddisfare tutte le richieste : i semigli, alberi da frutto.. i frutti ancora da cogliere ,vengono trattati con pesticidi.. è ormai impossibile scampare da questo,possiamo salvarci appena con i frutti bio visto che i pesticidi consentiti sono "naturali" e “meno tossici”.

Torniamo alle nostre bucce.. ora parlo degli agrumi, ma come vedremo in altri articoli anche le mele,le banane,i frutti piccoli come fragole,lamponi sono poi quelli con maggior residuo all'interno del frutto..

BON APPETIT!!

- no frutti fuori stagione,perchè aumenta la possibilità di frutti d'importazione senza controllo
- solo frutti biologici con la scritta non trattati (anche se il rischio non è totalmente escluso)
- no frutti con cartine (trattate con Difenile)
- no frutti con rametti o foglie ancora presenti (trattate con Difenile prima della pulitura)- no frutti lucidi (presenza Difenile, cere lucidanti e Tiobendazolo)


Arance "Navel", origine Sud Africa:
- agente di rivestimento cera E901 = c'era d'api, atossica
- agente di rivestimento cera E904 = gommalacca, atossica
- conservante E231 = Ortofenilfenolo, della stessa categoria del difenile, composto molto tossico.
- conservante E233 =Tiobendazolo

Limoni "Eureka" origine Argentina:
- stesse cere delle arance
- conservante E 231 o IMAZALIL (gravemente irritante per gli occhi,la sostanza può avere effetto sul fegato, causando ridotta funzionalità e LESIONI tissutali)




DERIVATI FENOLICI


Tutti questi prodotti sono di origine petrolchimica, non sono commestibili e sono caratterizzati da una ELEVATA tossicità; possono provocare inoltre irritazione agli occhi, allergie e dermatiti.La legge prevede che nell'involucro della frutta o sul frutto sia riportata la dicitura «Trattato con...».
DIFENILE E230

Derivato fenolico usato come antimuffa,ne vengono rivestite le bucce degli agrumi e banane per limitarne l'insorgenza.I metodi sono vari:o diretto sul frutto o imbevendo le famose cartine semitrasparenti che ricoprono i singoli frutti,o le cassette che li contengono.Quindi dobbiamo cercare agrumi con la scritta "non trattati",perchè è sostanzialmente al difenile che si riferisce..Anche se è sempre buono lavare la scorza,questo non elimina totalmente il Difenile perchè è insolubile all'acqua,quindi anche il bicarbonato o amuchina risultano inutili,inoltre la sostanza è entrata ormai all'interno,nella polpa!!

Il problema è che sicuramente le industrie, o anche i pasticceri.. non so quanto si servano di agrumi non trattati o acquistino quelli a basso costo esteri non sottoposti a controlli e quindi fortemente additivati.Con un semplice lavaggio poi utilizzano queste scorze per insaporire ciò che mangiamo.. ed abbiamo visto che è del tutto inutile!!
Vietato in Australia.SUPPOSTO MUTOGENO,PERICOLOSO PER FEGATO E RENI.

ORTOFENILFENOLO E231

L'ortofenilfenolo è un disinfettante fenolico con proprietà antimicrobiche di origine sintetica. insolubile in acqua, impiegata principalmente contro i funghi del genere Penicillium, presenti soprattutto in agrumi, mele e pere, ma anche su prugne, ananas, ciliegie ecc. Penetrando nella buccia, tracce di O-Fenil-Fenolo potrebbero essere presenti all'interno dei frutti. Vietato in Australia.

Con indicazioni simili è stato usato anche il sodio o-fenilfenolo.

L’additivo E231 (ortofenilfenolo) per essere usato in Italia necessita dell’autorizzazione del Ministero della Salute non essendo stato registrato in Italia, chi non lo fa incorre in sanzioni e quindi è poco utilizzato dagli operatori italiani. In Europa invece la legge comunitaria consente di utilizzarlo..e come detto sui banchi troviamo frutta di ogni dove!!

ORTOFENILFENATO DI SODIO E232


E' il sale sodico del fenil fenolo (E231). È un conservante sintetico, formato a partire dal fenil etere. Si presenta come una polvere bianca; è molto solubile in acqua, a differenza dell'E231, ed è impiegato sempre per proteggere gli agrumi ed altri frutti (gli stessi dell'E231) dall'attacco di funghi del genere Penicillium, spruzzandoli o immergendoli direttamente. Penetrando lentamente nella buccia, potrebbe essere anche ritrovato all'interno dei frutti stessi. Tale conservante può essere rimosso facilmente con un semplice lavaggio dei frutti; nonostante ciò, possono sempre rimanere dei residui che, anche se ingeriti, vengono poi eliminati dai reni e non provocano reazioni avverse per la salute umana. Presente non solo negli agrumi ,ma anche in, pere, ciliegie, pesche, ananas, prugne, carote, patate, pomodori. Vietato in Australia


TIOBENDAZOLO E233
ALTAMENTE TOSSICO


Arbotect (Syngenta), TBZ, Tecto (Syngenta)

E' un conservante sintetico fungicida, antiparassitario ed antimuffa, spruzzato sulla superficie di alcuni tipi di frutta, soprattutto su agrumi e banane, per permetterne la conservazione per tempi prolungati. Inoltre, il tiabendazolo può essere un componente delle soluzioni acquose nelle quali i frutti vengono immersi.
Le banane “tradizionali” e non quelle biologiche, in particolare, prima di essere spedite sono trattate con il tiabendazolo. Il tiabendazolo viene idrolizzato nel fegato ed eliminato dai reni. Alle concentrazioni ammesse giornalmente, sembra non presentare effetti collaterali tossici per la salute dell'uomo



IMAZALIL
PERICOLOSO SOPRATTUTTO PER BAMBIN
I
Sinonimi: Dichloro-phenyl, Bromazil; Deccozil; enilconazole; Flo-pro IMZ; Freshgard; Fungaflor; Fungazil; Imazalil; Imazalil ; IMAZALIL , Imidazole,Nuzone;

utilizzato per proteggere dalle muffe gli agrumi dopo la raccolta. È tossico per inalazione e irritante per gli occhi. L’ EPA ha stabilito un livello di tossicità equivalente di 6.1 x 10-2 mg/kg/day, quindi più pericoloso nei bambini per i quali ne bastano 1 mg scarso per avere effetti tossici.

ACIDO SORBICO E200

E' un conservante di origine naturale ma può essere prodotto per via sintetica .Presenta una tossicità molto bassa: questo sia perché viene utilizzato in dosi ridotte (0,2 mg/Kg), sia perché la sua DL50 è oltre i 5g/Kg. Pertanto, essendo impiegato in dosi così limitate, e avendo una dose letale così alta pro Kg, è un conservante che si può ritenere sicuro. Poche persone, infatti, manifestano reazioni allergiche all'acido sorbico. ). L'acido Sorbico svolge la sua massima funzione contro funghi e lieviti, mentre non è efficace contro i batteri. Svolge la sua attività ottimale a pH inferiori a 6,5 (quindi in alimenti acidi o leggermente acidi). Nonostante l'acido sorbico presenti una dose letale molto bassa, è necessario fare una piccola riflessione: essendo un conservante molto utilizzato è possibile (anche se avviene raramente), che nell'arco della giornata si consumino così tanti alimenti contenenti E200 da arrivare a consumare dosi vicine a quella tossica; per questo motivo è consigliato controllare con attenzione le varie etichette per evitare che si verifichi ciò.

Spesso l'acido sorbico è presente, come inibitore di lieviti e muffe, in preparati per crema pasticcera, nei formaggi non stagionati, nel pane a fette, nel pane di segale, nella pasta di olive, nelle bibite, nei ripieni delle paste fresche, nei preparati per gnocchi freschi, nella polenta pronta, nella frutta, nelle margarine e nei foraggi insilati per vacche da latte (per aumentarne l'appetibilità).

ETILENE
Come abbiamo già visto nei prodotti in atmosfera protetta,si tratta di un gas che viene sfruttato per accelerare in modo controllato la maturazione.I frutti vengono raccolti acerbi e poi sottoposti a questo gas vengono risvegliati e fatti maturare per metterli sul mercato nei fuori stagione.

L'etilene è "incapsulato" anche nei film plastici dei prodotti in atmosfera protetta,nell'imballaggio insomma..(non visibile ad occhio). L’etilene è una sostanza gassosa che influenza la crescita delle piante accelerando la maturazione. Questa sostanza è presente in maggior quantità in alcuni tipi di frutta e verdura come ad esempio, mele, albicocche, fichi, cachi, banane, kiwi, manghi, pesche, pere, prugne, cocomeri, meloni e pomodori, che rispetto ad altra frutta appassiscono più velocemente.Il fattoalimentare riporta inoltre come una compagnia statunitense, Cellresin Technologies abbia inventato un imballaggio in cui viene inserito un antagonista dell’etilene prodotto naturalmente dalla frutta, l’1- metilciclopropene (1-MCP). L’1-MCP utilizzato nelle confezioni, inibisce l’effetto dell’etilene e per questo motivo è usato ampiamente negli impianti frigorifero dove viene stoccato.

Piccoli chimici crescono...

GOMMALACCA E901

La gommalacca è un polimero naturale ed ha una composizione chimica simile a quella dei polimeri sintetici, ed è quindi considerata una "plastica naturale". E’ ottenuto dalla secrezione di un insetto, la Kerria Lacca, che cresce nelle foreste tailandesi. Per ottenere 333 g di gommalacca occorrono migliaia di insetti.

Questo additivo alimentare è impiegato come agente lucidante di pillole e caramelle oltre che per lucidare i mobili. È classificata come additivo alimentare con il numero E904 e viene ancora usata come rivestimento della frutta per impedirne il deperimento dopo la raccolta.
CERA D'API BIANCA E GIALLA E 901


Agente di rivestimento, Supporto per additivi può scatenare allergie o reazioni di ipersensibilità
Il problema non ancora affrontato è quello dell'accumulo di tutti questi additivi ,che ,anche se ammessi singolarmente ed assunti nelle dosi minime, hanno un effetto residuo nel nostro organismo e non sono conosciuti ne gli effetti incrociati del loro utilizzo,tanto meno gli effetti della loro presenza combinata nel singolo alimento.

CI RENDIAMO CONTO DI QUANTI ADDITIVI ASSUMIAMO DALLA MATTINA ALLA SERA.. PARTENDO DALLA COLAZIONE..

latte,caffè,dolci,pesce,carne,verdure,frutti,cibo confezionato,omogenizzati,pappe,atmosfera protetta.....quanto carico diamo ai nostri reni per smaltire,..a quanta tossicità inseriamo nell'organismo?? e nei nostri bambini?Cisto che le dosi consigliate ,ripeto,sono sempre calcolate per un adulto di media massa corporea in salute!!!!!

LA MELA DI BIANCANEVE 5


Cosa pretendere dal nostro Stato bipolare che ci vieta e dona tutto ed il contrario di tutto??E quando facciamo domande cade dalle nuvole con occhioni "ma impossibile!" Io permetto che si usino solo sostanze che non danneggiano!!!

SVEGLIAMOCI... e cerchiamo almeno di limitare i danni con una buona lettura delle etichette.. mangiando biologico ed italiano e in stagione!!!


Altre letture






Fonti

http://mangiosintetico.blogspot.it/2012/06/il-difenile-o-bifenile-chimicamente.html
http://www.itchiavari.org/chimica/materiali/additivialim.pdf
http://bressanini-lescienze.blogautore.espresso.repubblica.it/2010/10/12/pesticidi-sul-cibo/comment-page-1/

8 commenti:

  1. Grazie Elisabetta per queste tue ricerche e condivisioni. Ottimo lavoro.

    RispondiElimina
  2. RICHIESTA DI ATTIVA COLLABORAZIONE >

    Cari amici e colleghi ,

    dopo la conferenza su economia circolare EGOCREANET come socio fondatore di TUSCAN FOOD QUALITY CENTER *http://www.tuscanfoodqualitycenter.com/default.aspx(
    si è impegnato ad organizzare tre incontri c/O villa Montepaldi ( in San Casciano VDP) su

    ECONOMIA CIRCOLARE ed INNOVAZIONE FRUGALE
    (JUGAAD INNOVATION) : vedi : http://triq.it/jugaad/wp-content/uploads/2014/05/mondo.lavoro.pdf

    CICLO DI INCONTRI : il primo il 23 Giugno 2015 *ORE 10.00/13.00 in Villa Montepaldi http://www.villamontepaldi.it/
    ( altri due in Sett. e Nov. in date da concordare vedi:

    https://dabpensiero.wordpress.com/2015/05/17/economia-circolare-ed-innovazione-frugale-per-eliminare-gli-sprechi-di-cibo/#comment-4066

    La crisi economica che sta coinvolgendo quasi tutti i settori che hanno creduto nella Economia del LUSSO . Sono pertanto necessari profondi cambiamenti strategici per modificare la inerzia di una visione consumistica della produzione e dei mercati utile solo per per pochi ricchi ed insostenibile per i molti altri. Pertanto è divenuto essenziale individuare rapidamente le strategie di cambiamento da adottare per dare un futuro profittevole e sostenibile per la maggiorparte delle persone che rischiano la poverta' e delineano una prospettiva senza futuro per i giovani. Pertanto per uscire dalla crisi strutturale contemporanea occorre agire con grande lucidità e determinazione nel superare lo logiche insensate e lineari della Economia del Lusso .
    http://www.edscuola.eu/wordpress/?wpfb_dl=807 ; Bisogna tener presente che la crisi coontemporanea determina un calo del potere di acquisto cosa che non significa automaticamente un cambiamento dello stile di vita consumistico indotti dalla reclamizzazione dei prodotti e dei marchi . Infatti risulta necessario un cambiamento culturale capace di agire come Frugal Innovation Driver , per stimolare la capacita creativa e cosciente della necessita del fare di piu con di meno per create prodotti di elevata qualita rispondenti a nuove strategie di business e di valore sociale dello sviluppo.
    Vedi ad Es l;a MODERNA BIO/CHIMICA sostenibile e la agricoltura a favore della sostenibilita- ambientale .vedi> .La Bioplastica da Zuccheri>
    http://www.greenews.info/rubriche/bio-on-in-arrivo-la-rivoluzionaria-bioplastica-di-zucchero-20111207/
    la Bio/plastica da scarti delle patate> http://www.fareambientemagazine.it/flash-news/2015/04/21/8062_plastica-biodegradabile-dagli-scarti-delle-patate/

    Pertanto EGOCREANET ritiene possibile promuovere e sviluppare strategie alternative capaci di portare la produzione e la societa fuori dalla crisi, il più rapidamente possibile. Da cio nasce la proposta particolarmente importante di potenziare la capacità della ricerca e delle aziende nel modificare l' ambiente culturale nel quale ancora si opera per individuare e potenziare la intelligenza sociale e favorire le nuove strategie di sviluppo della ECONOMIA CIRCOLARE ED INNOVAZIONE FRUGALE al fine di identificare ed attuare delle strategie creative di innovazione dirompente che sono essenziali per superare nel medio e lungo periodo la crisi contemporanea e per dare un nuovo impulso al futuro sviluppo economico e sociale.

    Paolo Manzelli 18-05-2015 FIRENZE; https://www.facebook.com/groups/EGOCREANET/ ,

    Vi preghiamo inoltre di divulgare il Ciclo di Incontri:

    https://dabpensiero.wordpress.com/2015/05/17/economia-circolare-ed-innovazione-frugale-per-eliminare-gli-sprechi-di-cibo/#comment-4066

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  4. Ciao.vorrei sapere x quanto tempo gli agrumi vengono stoccati con gas x poi essere risvegliato. Dopo quanto avviene il risveglio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tempo specifico non lo sappiamo varia anche dalla maturazione.
      Da quanto premesso dalla legge i frutti alla raccolta non possendendo, in genere, i
      requisiti (colore, fondezza, sapore, aroma) richiesti per il consumo, vengono
      conseguiti nel corso della conservazione e/o della distribuzione commerciale (mantenuti appunto nelle celle con etilene e vari altri gas)
      Tuttavia, vi sono delle specie che stentano a raggiungere i richiesti requisiti e per motivo di ordine
      fisiologico (tipici per ogni specie) e per ragioni di ordine tecnico.

      Comunque sia... poco importa se p una settimana un mese o più.. è il fatto in se che seppur ammesso per ragioni tecnico logistiche di consumo e produzione è dannosissimo!!

      Elimina
  5. Nella mia campagna in Liguria ho alcune piante di limone. Non uso concimi chimici né alcun tipo di antiparassitario né trattamenti di alcun genere. La produzione è. Abbondantissima. I frutto sono sanissimi, molto belli e di aspetto esteriore assai migliore di quelli trattati. Si conservano a lungo.
    Dunque mi riesce davvero difficile comprendere i motivi di usare trattamenti, per di più tossici, a meno che quei limoni non siano già all'origine di qualità scadente.

    RispondiElimina
  6. Interessante articolo Agricoltura Bio.Se non usi concimi e additivi chimici di conservazione,rappresenti una fonte di cibo sicuro e quindi di buon approvvigionamento.Come contattarti?

    RispondiElimina
  7. Bel blog! Brava. La buccia della frutta non si mangia, punto e basta. Se fosse buona la mangerebbero anche gli uccelli. Se ci facciamo convincere dagli avari che vogliono sfruttare tutto si va a finire male anche perché la manipolazione genetica della frutta o verdura si basa sull'inserzione di veleni nella buccia.

    RispondiElimina

Ogni commento è gradito...per confrontarsi,crescere insieme.Niente spam grazie.