Cerca nel blog

2013/03/26

DETERSIVI E COMPONENTI



Sempre alla ricerca del naturale ho fatto varie ricerche sui prodotti detergenti che siamo soliti usare, talvolta anche senza pesare troppo la scelta ma guidati dal profumo dalla confezione.
Spero che questo post sia utile non solo a fine pratico per la scelta chimica del prodotto, ma anche per capire quante "schifezze" concedetemi il temine contengono gli "utilissimi" super rapidi detersivi in commercio!!E poi ci domandiamo perchè tante allergie...

Innanzi tutto: perché puliscono? Perché contengono tensioattivi, composti chimici in grado di abbassare la tensione superficiale dell’acqua che per sue caratteristiche fisiche si racchiude tenacemente in gocce e non interagisce con lo sporco. I tensioattivi permettono l’adesione dell’acqua alle particelle di sporco che si staccano dal corpo che le tratteneva e vengono poi eliminate con il risciacquo.
Ma facciamo un passo alla volta  i detergenti si divino innanzitutto a seconda della loro composizione chimica per questo mai miscelare due o più detergenti tra loro, si potrebbe produrre una reazione chimica molto pericolosa, che possono portare a conseguenze dannosissime:.

In particolare molta attenzione alla candeggina (ipoclorito di sodio), all’acido muriatico (acido cloridrico al 10%) e alla così detta ammoniaca di uso domestico (di fatto idrossido d’ammonio) che già a temperatura ambiente si dissocia dall’acqua e libera ammoniaca vera e propria e cioè un gas molto velenoso (avrete sicuramente avuto l’esperienza di respirarne un po’ e la cosa non sarà stata piacevole).

Detergenti acidi ( utilizzati come abrasivi ):

Composti da acido cloridrico, acido fosforico, acidi organici.
I detergenti acidi eliminano le incrostazioni causate dal calcare,  cemento, di gesso, i residui dei saponi, eccetera
 Sono prodotti aggressivi e come tali usati con attenzione (mai su marmo, granito, pietre naturali, zinco, stagno ). Da preferire sono sempre i prodotti contenenti acido fosforico e citrico con i quali si possono pulire oltre ad i sanitari anche le apparecchiature in acciaio inox.

Detergenti neutri o debolmente alcalini 

( utilizzati per lavastoviglie ) agiscono sullo sporco pigmentario, agglomerato e grasso leggero.

Detergenti alcalini

( utilizzati per pavimenti ):
I detergenti alcalini eliminano i grassi e quindi i depositi che si formano in genere nelle cucine, le macchie di unto sui pavimenti.
Sono composti da tensioattivi (anionici/non ionici), chelanti, alcali (prodotti sgrassanti), ossidanti (prodotti disinfettanti), solventi (prodotti senza risciacquo).
Sono i detergenti più usati.

Detergenti caustici

( utilizzati come disinfettanti ):
composti da idrossido di sodio.
Usati per  sporco particolarmente ostinato (molto grasso e carbonizzato).


Ora vediamo insieme i principali detersivi in commercio...



Detersivi generali per tessuti I detersivi naturali, cioè i saponi , sono stati via via sostituiti per il lavaggio  dai detersivi sintetici, in particolare dagli anni ‘50 poichè  in presenza di acque dure i saponi tendono a formare precipitati, cioè composti insolubili, e quindi a non fare la caratteristica schiuma. I detersivi per tessuti contengono, oltre ai tensioattivi (media 15%), attivi nella rimozione dello sporco, altre sostanze che hanno vari scopi, tra cui quello di mantenere efficiente l’azione dei tensioattivi, che hanno in particolare lo scopo di addolcire l’acqua e disperdere lo sporco. Essi sono costituiti sostanzialmente da:

Tripolifosfati (media 10%), che sequestrano i metalli, impedendo la precipitazione di sali insolubili. 

Sbiancanti, che possono essere: candeggianti, come il perborato di sodio che a caldo (60-70°C) libera perossido di idrogeno (acqua ossigenata) che ha effetto sbiancante. Purtroppo, sopra gli 80°C il perborato si decompone troppo velocemente danneggiando i tessuti, e sotto i 60°C non agisce, necessitando di attivatori e stabilizzanti, che sono sali di calcio che agiscono in presenza di alta percentuale di polifosfati. Insieme o al posto dei candeggianti chimici si introducono spesso particolari enzimi (circa 1%), che hanno azione a bassa temperatura, cioè sotto i 60°C. 

Azzurranti ottici, che danno solo un maggiore effetto visuale al bianco dei tessuti, ma senza effetto candeggiante: poiché la luce contiene anche delle radiazioni non percepibili dai nostri occhi( radiazioni ultraviolette), questi composti le trasformano in radiazioni visibili, così la luce che proviene dal bucato lavato con azzurranti è più intensa e a noi sembra di vedere più bianco) additivi ( dal 20% in su), che si aggiungono spesso solo per aumentare il peso del prodotto. Questi composti sono sali (generalmente solfati) che danno al bucato maggiore ruvidezza, inoltre lasciano una massa vischiosa e poco solubile intasando i pozzi neri.

Ammorbidenti, usati per togliere la ruvidezza ai tessuti; sono costituiti da tensioattivi cationici (5-15%) e alcoli, che si attaccano alle fibre dando al bucato una maggiore morbidezza.

Candeggianti commerciali Sono prodotti per smacchiare e candeggiare i tessuti. Possono contenere sodio ipoclorito, perborato, acido cloridrico, dicloroisocianurato di sodio. La candeggina commerciale ad esempio contiene, oltre al sodio ipoclorito, anche perborato e acido cloridrico al 15%. Questi prodotti vengono usati anche per la pulizia delle superfici. L’ipoclorito di sodio, la comune varechina, è molto usato. Agisce come ossidante sulle macchie colorate trasformandole in sostanze incolori. Si trova nei prodotti sbiancanti in concentrazione dal 3 al 7 % .

Smacchiatori Gli smacchiatori liquidi sono miscele di solventi organici, efficaci soprattutto per le macchie di grasso. Quelli in pasta sono un impasto di solventi con adsorbenti in polvere tipo magnesia, cellulosa. I principali solventi sono: tricloroetilene, tricloroetano, cloroformio, tetracloroetilene.

 I prodotti spray contengono sostanze  al silicone. Per le calzature si usano cere sciolte in trementina ed emulsioni oleose contenenti cere in benzina ed acqua.

Detersivi multiuso e abrasivi per superfici in generale  Gli abrasivi in polvere o liquidi contengono soprattutto granelli di quarzo o marmo, poco tensioattivo (3%), ed alcuni contengono anche candeggianti, costituiti da 1-2% di dicloroisocianurato di sodio, prodotto che libera cloro. I detersivi multiuso contengono invece molto più tensioattivo (10-14%), fosfati (5%), urea (5%) e disinfettanti a base di prodotti di condensazione ammina - aldeide.

Detersivi per stoviglie E’ accertato che in un anno una persona ingerisce mediamente da 0,1 a 1 g di tensioattivi, che rimangono sui piatti appena lavati.

Detersivi per piatti a lavaggio manuale sono meno aggressivi di quelli per lavastoviglie. Essi contengono 10-20% di tensioattivo, e per il resto fosfati, essenze profumate, alcol, coloranti, e alcuni contengono sostanze protettive per la pelle. Alcuni contengono anche tensioattivi cationici che hanno l’effetto di dare lucidità alle stoviglie, eliminando l’effetto provocato dalle macchie che lascia l’evaporazione dell’acqua. Quelli in polvere contengono sali anche per il 50-80%, come carbonato, silicato, solfato, citrato di sodio.

Detersivi per lavastoviglie fanno una pulizia più profonda, a temperatura più alta (50-60°C) ed hanno azione igienizzante. Sono in genere molto alcalini perché contengono soda caustica, fosfati (6%) e sostanze cloranti come il dicloroisocianurato di sodio (2%) che distrugge i batteri. Le macchine lavastoviglie contengono anche resine scambiatrici per addolcire l’acqua e prevenire le incrostazioni calcaree che a lungo andare rovinano i meccanismi. Le resine necessitano di sale da cucina alla fine per essere ripristinate. Ai detersivi per lavastoviglie viene sommata poi l’azione dei "brillantanti", che contengono un alto contenuto di tensioattivi non ionici (20-50%) allo scopo di evitare la formazione di ombre calcaree dovute all’evaporazione delle gocce d’acqua sui piatti. Contengono inoltre alcol isopropilico (20%) e acidi come l’acido citrico (20%) per annullare l’effetto alcalino dei detersivi.

I detersivi per forni contengono, spesso in forma spray, soda caustica (15%) assieme a tensioattivi e solventi organici (10%). Questi prodotti servono a togliere le incrostazioni sulle pareti dei forni.

I detersivi per vetri e specchi contengono tensioattivi anionici con solventi organici come glicoletere o isopropanolo (10%). Il tensioattivo ha lo scopo di facilitare la bagnabilità del vetro per l’attacco allo sporco, il solvente quello di sciogliere lo sporco. Il glicoletere è molto usato anche per la sua alta velocità di evaporazione. Purtroppo questa sostanza contiene quasi sempre piccole quantità del glicol corrispondente (glicol etilenico o glicol butilenico) che ne fanno aumentare la pericolosità. Attualmente sono molto in uso i prodotti multiuso, cioè adatti a qualsiasi tipo di superficie. Possono contenere anche ammoniaca e fosfati.

I detergenti per metalli hanno il compito di asportare il sottile strato di ossido o di solfuro nel caso dell’argento, che si forma sul metallo rendendolo opaco. Il trattamento per l’argento è diverso da quello di altri metalli o leghe. Per asportare lo strato di solfuro si usano creme a base di tensioattivi, tiourea e acido cloridrico, che, togliendo lo strato di solfuro, asportano anche un sottile strato di metallo .

I derugginanti contengono acido fosforico concentrato (40%), acido cloridrico, alcoli e fosfati di zinco ed alluminio.

Detersivi per lavabi e WC
I detersivi per disgorgo lavabi sono tra i prodotti più tossici. Contengono soda caustica(70 - 100 %) che ha il compito di saponificare i residui grassi e sciogliere prodotti cheratinosi come i capelli. Contengono anche granuli di alluminio o zinco (2%),che in ambiente alcalino sviluppano idrogeno. Per evitare una possibile esplosione si aggiunge nitrato di sodio (15%) che con idrogeno forma ammoniaca. I gas favoriscono la rimozione degli ingorghi. Questo prodotto sviluppa molto calore, ed è molto aggressivo. Se il prodotto è allo stato liquido, può contenere anche ipoclorito di sodio, che sviluppa meno calore.

I disincrostanti per calcare ed acidi urici nel WC sono prodotti acidi o alcalini. Quelli acidi in polvere contengono bisolfato di sodio (87%) e acido solfammico, oppure se liquidi contengono acido cloridrico e fosforico (20-30%), solforico, formico, oltre a tensioattivi (7%). Quelli alcalini contengono, oltre al tensioattivo (4%) , ipoclorito di sodio (67%), assieme a formaldeide, fenoli o clorofenoli.


I detersivi autolucidanti per pavimenti contengono, oltre a cera, polimeri acrilici ricavati per sintesi da prodotti del petrolio, sciolti in solventi idrosolubili come glicoletere. Essi formano sul pavimento una pellicola di plastica, che dà l’effetto di lucidità: il guaio è che per eliminarla bisogna usare detersivi e prodotti molto aggressivi, come ammoniaca e solventi.

Le cere sintetiche per pavimenti sono polimeri dal petrolio, come copolimeri stirolo-acrilato in concentrazione maggiore ed emanano un odore che non è salutare. Per i mobili in legno vengono usati prodotti lucidanti di sintesi, che contengono solventi organici come xilolo, toluolo, tricloroetilene. Alcuni detersivi per pavimenti contengono anche solventi organici per eliminare possibili residui di cera.







Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento è gradito...per confrontarsi,crescere insieme.Niente spam grazie.